Sette milioni e quattrocentomila euro. Tanto dovrà pagare al fisco l’ex presidente di Banca Carige, Giovanni Berneschi, per i debiti tributari maturati sul denaro portato all’estero. Lo riferisce l’Ansa citando fonti investigative. Secondo le quali Berneschi, sotto processo per associazione a delinquere finalizzata alla truffa e riciclaggio, avrebbe trovato un accordo con l’Agenzia delle Entrate che si era attivata dopo che la magistratura, tramite la Guardia di finanza di Genova, aveva trovato depositati in Svizzera ingenti capitali. All’ex banchiere sarebbe stata concessa una rateizzazione e avrebbe già saldato una prima rata di circa 400mila euro.