“Bertolaso è un fuori classe, non è un politico, il migliore in campo, otterrà i voti aldilà delle classiche divisioni partitiche”. Così Silvio Berlusconi al gazebo allestito vicino al Pantheon di Roma dove oggi ha votato sì per Guido Bertolaso sindaco. Mostra la carta d’identità e scherza sulla sua data di nascita: “Sono residente a Roma, fate votare un ottantenne? Ma stamattina ho fatto un’oretta di corsa”. E per l’obolo da dare al gazebo si fa prestare 50 euro. “Sono un noto evasore, si sa. Non ho soldi come me. Questi non vanno al comitato ma in beneficenza”, spiega inserendo la banconota nel salvadanaio. Lo scontro nel centrodestra è ancora acceso, oltre Matteo Salvini anche Giorgia Meloni avanza dubbi sulla candidatura dell’ex capo della protezione civile . “La lega conta poco a Roma, non avrà influenza: si decidano”. E ancora: “Pensano alle carriere e non a Roma, io penso all’Italia, basta con i professionisti della politica, sì alle persone del fare che lavorano”. Intanto prende il via il balletto sull’affluenza, e Guido Bertolaso ha legato la sua sorte alla partecipazione dei cittadini romani: “Meno di diecimila persone ai gazebo e mi ritiro”. Ma comitato arrivano dati rassicuranti: “Più di ventimila hanno votato”