Un uomo è stato fermato all’entrata dell’hotel New York a EuroDisney, alle porte di Parigi: era in possesso di due pistole, una delle quali automatica, un caricatore e una copia del Corano, nascosti in un borsone. La polizia ha confermato la notizia diffusa dalla radio Rtl. Una donna è stata fermata nel pomeriggio nella regione parigina ed è stata rilasciata. La partner dell’uomo, invece – che sarebbe fuggita durante l’arresto del sospetto – è tuttora attivamente ricercata.

L’uomo è stato fermato al passaggio ad un metal detector, quando la sua valigia ha fatto scattare l’allarme. A bloccarlo sono stati i servizi di sicurezza del parco: era diretto in albergo per prenotare una stanza, non ha opposto resistenza ed è stato posto in stato di fermo. Interrogato, riferisce BFM-TV citando fonti degli inquirenti, ha affermato di avere con sé le pistole in quanto ha “timori per la propria sicurezza” e “vuole essere in grado di proteggersi“.

Secondo le prime informazioni, l’uomo, che ha 28 anni, è nato a Lagny, poco distante dal parco Disney, e risulta risiedere a Parigi nel XIV arrondissement, sarebbe incensurato e sconosciuto ai servizi di informazione: era noto alla polizia semplicemente per un episodio di guida senza patente.

Al momento la polizia francese è molto cauta e non parla ancora di inchiesta per terrorismo, anche se si sta valutando la situazione con estrema attenzione dal momento che Disneyland – che nel 2015 ha avuto oltre 14 milioni di visitatori – viene considerato come uno degli obiettivi di possibili  attacchi terroristici.