Non sono più reato le violazioni delle regole compiute da chi è autorizzato a coltivare cannabis per uso terapeutico. Lo ha deciso il Consiglio dei ministri, che ha approvato in via definitiva due decreti legislativi del pacchetto depenalizzazioni. Si tratta di un evidente compromesso al ribasso rispetto all’ipotesi iniziale, che era quella di togliere rilevanza penale al “mancato rispetto dell’autorizzazione per coltivazione di piante da cui ricavare sostanze stupefacenti“. “Non c’è nessuna depenalizzazione” della coltivazione di cannabis ad uso terapeutico, la cui produzione è stata autorizzata dal ministero lo scorso anno, ha precisato la ministra della Salute Beatrice Lorenzin. Il Consiglio dei ministri ha “soltanto depenalizzate alcune prescrizioni: se ci sono delle prescrizioni in cui ci sono delle violazioni, alla prima scatta un’ammenda amministrativa molto pesante, mentre se non si ripristina la procedura viene revocata l’autorizzazione”.

Saranno solo illecito amministrativo anche la guida senza patente, l’ingiuria, il furto del bene da parte di chi ne è comproprietario, l’appropriazione di cose smarrite, gli atti osceni, l’abuso della credulità popolare, le rappresentazioni teatrali e cinematografiche abusive, il noleggio di materiale coperto da copyright, l’installazione e l’uso di impianti abusivi di carburante. Così come l’omesso versamento di ritenute previdenziali e assistenziali entro i 10mila euro, l’uso di scritture private falsificate o la distruzione di scritture private. Aumenta però l’ammontare delle sanzioni. Sono stati invece esclusi alcuni reati di occupazione di beni immobili privati come l’usurpazione di immobili, l’invasione di terreni o edifici, la deviazione di acque e modifica dello stato dei luoghi.

Guida senza patente: in caso di recidiva resta il penale – Chi sarà trovato, la prima volta, alla guida senza patente o con patente non in regola eviterà il processo penale e pagherà una sanzione tra i 5mila e i 30mila euro: la ‘multa’ diventa quindi più salata di quella attuale, che va da 2.257 a 9.032 euro. Inoltre scatterà comunque la confisca del veicolo e in caso di recidiva resta la sanzione penale.

Rinviate le decisioni sul reato di clandestinità - Rimandate poi a data da destinarsi le decisioni sulla depenalizzazione del reato di immigrazione clandestina, rinviata alla luce delle polemiche sui fatti di Colonia: il governo ha evocato “valutazioni di opportunità politica” e “elementi psicologici” che potrebbero far sentire gli elettori meno sicuri. Questo nonostante l’abolizione dell’articolo 10 bis del Testo unico sull’immigrazione introdotto dalla legge Bossi-Fini sia già espressamente prevista da te siano una legge delega varata ben 20 mesi fa e molti esponenti della magistratura abbiano evidenziato che non serve a fermare gli ingressi illegali in Italia, intasa i tribunali e frena le inchieste sugli scafisti.