Nel suo primo messaggio di fine anno da presidente della RepubblicaSergio Mattarella, dedica un duro monito all’evasione fiscale. “Gli evasori danneggiano la comunità nazionale e danneggiano i cittadini onesti. Le tasse e le imposte sarebbero decisamente più basse se tutti le pagassero”, afferma il capo dello Stato ricordando che “un elemento che ostacola le prospettive di crescita è rappresentato dall’evasione fiscale”. Il presidente cita, quindi, uno studio di pochi giorni fa di Confindustria secondo il quale nel 2015 l’evasione fiscale e contributiva in Italia ammonta a “122 miliardi di euro. Vuol dire 7 punti e mezzo di Pil”. “Soltanto dimezzando l’evasione si potrebbero creare oltre 300.000 posti di lavoro”, aggiunge
IL DISCORSO INTEGRALE DI MATTARELLA – VIDEO