“Una donna italiana malata di cazzite cronica. Dire che se l’è cercata è il minimo”. Rosanna Lau, consigliera M5S del comune di Civitavecchia e delegata del sindaco Antonio Cozzolino, ha scritto queste parole su Facebook per commentare la morte di Alessia Della Pia per il cui omicidio si cerca il convivente Mohamed Jella. Dopo le polemiche che si sono scatenate intorno alle sue parole, Lau ha deciso di dimettersi.

Il testo del post è stato cancellato dopo pochi minuti, ma la fotografia del messaggio è stata salvata da alcuni utenti in rete: “Una donna”, si leggeva, “intreccia una relazione con un tunisino di 26 anni. Lui l’ammazza come un cane. Non voglio vedere il suo nome nella liste delle martiri. Dire che se l’è cercata è il minimo. Se fosse sopravvissuta l’avrei insultata. Nel rispetto della morte provo pena per sua figlia”.

Il sindaco grillino ha preso subito le distanze dalle dichirazioni di Lau: “Rosanna”, ha scritto Cozzolino, “che è una brava persona e che in questa amministrazione ha lavorato a titolo gratuito nell’interesse della collettività, ha effettuato delle esternazioni che non possono neanche lontanamente essere condivise. Ognuno nel Movimento 5 Stelle si prende le responsabilità di ciò che dice a titolo personale ma tali frasi sono gravi e da stigmatizzare. La violenza è sempre da condannare, a prescindere dal colore e dalla razza di coloro che la commettono”.

Sul tema si è espresso anche il capogruppo M5S in consiglio a Parma Marco Bosi: “Penso che queste affermazioni siano talmente idiote che non ci sarebbe neanche bisogno di precisare che mi dissocio categoricamente. Il ragionamento ‘se l’è cercata’ è quanto di più maschilista possa esistere. Stupisce ancora di più che arrivino da una donna. Le vittime non hanno mai colpa, che si tratti di omicidi, botte o violenza sessuale. Purtroppo temo che questi atti non finiranno fintanto che ci sarà qualcuno pronto a giustificarli”.