“Il bonus da 500 euro per i 18enni è un modo per comprarmi i voti? Chi lo dice offende gli italiani”. Matteo Renzi ha scelto la sua E-news per difendersi dalle critiche per l’idea di offrire un finanziamento a 550mila ragazzi che diventano maggiorenni da investire in iniziative culturali. La “renzata”, arrivata a sorpresa e a legge di stabilità già presentata, ha scatenato numerose polemiche e secondo alcuni sarebbe un modo per conquistare l’elettorato più giovane. L’annuncio pochi giorni dopo gli attentati del 13 novembre a Parigi, ha provocato attacchi su tutti i fronti. “L’elemosina al potere: gli italiani trattati come mendicanti”, ha detto Beppe Grillo sul suo blog. “Governo malato di bonus”, ha commentato la segretaria Cgil Susanna Camusso. Poi Forza Italia con Renato Brunetta: “Usa i soldi dei padri per pagarsi il consenso dei figli”. E pure Maurizio Gasparri: “Wanna Marchi in confronto è un esempio specchiato di moralità”. Perplesso anche il sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti: “Qui finiamo in malus”. Il Corriere della Sera, che per primo aveva interpretato la scelta del leader Pd come una mossa elettorale, ha criticato il provvedimento con un editoriale del professor Maurizio Ferrera: “Non è equo perché non tiene conto delle grandi disparità sociali e territoriali in Italia”.

Tutti “commenti surreali” secondo Renzi, il cui staff ha prontamente rilanciato in rete articoli della stampa internazionale (da Bloomberg a Le Figaro) che hanno interpretato la scelta come un modo positivo per affrontare l’emergenza terrorismo nel mondo: ovvero investire nell’integrazione e usare “la cultura come un’arma di guerra”. “Riduci le tasse sulla casa?”, ha scritto Renzi nella sua newsletter settimanale. “Stai comprando il voto dei proprietari di immobili. Dai gli 80 euro a chi non arriva ai 1500 euro al mese o ai carabinieri? Stai comprando il voto della classe media e delle forze dell’ordine. Dai il bonus ai professori o ai diciottenni? Lo fai perché vuoi comprarti il loro consenso”. Secondo il leader Pd “gli italiani non si fanno comprare”: “Votano sulla base delle proprie speranze e delle proprie emozioni, non sulla base di un bonus”.

In realtà sono tante le voci dall’opposizione che hanno criticato nelle scorse ore l’idea di Renzi. In prima linea i 5 Stelle. Beppe Grillo sul suo blog ha lanciato l’hashtag: “A 18 anni voto 5 Stelle” e poi in un post: “Un governo inetto ed incapace di fare una manovra economica si limita solo a fare annunci a promettere bonus utili solo per la propaganda come fossero caramelle. L’elemosina al potere. Gli italiani trattati come mendicanti. La sua è una misura maldestra per conquistarsi i giovani che votano il M5S”.

L’iniziativa è stata condannata anche da Susanna Camusso, segretaria Cgil: “Questo governo è malato di bonus e dimostra di non avere una politica strutturale. Quando si dice che bisogna investire in cultura è straordinariamente giusto, ma un bonus non è l’investimento in cultura, non è la costruzione di lavoro, di una capacità di essere paese che valorizza il suo patrimonio”.

Secondo Renato Brunetta, capogruppo Fi alla Camera, Renzi è in una “confusione mentale onirica”. “Usa i soldi dei padri”, ha commentato, “per pagarsi il consenso dei figli. Si tratterà di una paghetta di stato condizionata per andare ai concerti jazz o heavy metal, classica, leggera o pop? Ci sarà anche questo nella legge? Come saranno distribuiti i 500 euro? Si dovranno portare gli scontrini dei concerti, dei dvd o dei cd? Si deciderà anche paternalisticamente quali saranno le musiche da ascoltare o i concerti da vedere, in quale lasso di tempo, con quale ricevuta? A me sembra una follia”. Stesso ritornello per il senatore Maurizio Gasparri: “Vergognoso demagogo, al suo confronto Wanna Marchi è un esempio specchiato di serietà e moralità”.

Anche nella maggioranza però non mancano le perplessità sull’iniziativa. “A forza di parlare di bonus qui finiamo malus”, ha detto con una battuta il sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti, ospite del programma di Rai Radio2 Un Giorno da Pecora. “Ogni volta col bonus degli 80 euro, il bonus da questa parte, il bonus da quell’altra. Non sono d’accordo nel proporla in questo modo. E’ un’iniziativa interessante che deve essere strutturata”. E alla domanda se usare questi termini possa essere un modo per vincere le elezioni ha replicato: “Una politica fatta da una parte di critiche populiste, mosse dall’opposizione, e dall’altra, in maggioranza, di bonus, indubbiamente nei sondaggi potrebbe pagare”.