Le parole del giovane Kinan Masalmeh, profugo siriano di 13 anni giunto a Budapest attraverso la rotta balcanica lasciano poco spazio all’interpretazione. “Non vogliamo partire e volete farci rimanere nel nostro paese dovete fermare il conflitto in corso. Ma fatelo subito”, dice alle telecamere di Al Jazeera