Il funerale di Vittorio Casamonica? “Il messaggio lanciato è pesantissimo: alla vigilia del maxi processo contro Mafia capitale, i romani sanno che uno dei Casamonica può essere omaggiato in quel modo in pieno giorno”. Tre anni fa la sua inchiesta pubblicata sulla prima pagina dell’Espresso portava un titolo destinato ad essere ripreso più volte: i Re di Roma. Erano i quattro clan che comandavano nella capitale: Carminati, Fasciani, Senese e Casamonica. E oggi che alla chiesa don Bosco, zona Tuscolano, periferia sud est della città, sono andati in onda gli sfarzosi e pacchiani funerali di uno dei maggiorenti del clan Casamonica, il giornalista Lirio Abbate si domanda: “Come faranno adesso a dire che a Roma non c’è la mafia?”

Cavalli neri che trainano una carrozza, un elicottero che getta rose, la colonna sonora del Padrino: Abbate, come è possibile che a Roma si lasci fare un funerale del genere?
“Me lo chiedo anche io: sembrava una roba della Sicilia anni ’60. Ma neanche: è lo stesso stile dei funerali di Vito Rizzuto, in Canada, con la bara d’oro massiccio sostenuta da una schiera di fedelissimi. Un misto tra sfarzo e messaggio in puro stile mafioso. Il senso è: anche se la procura ha portato a processo 59 persone per Mafia capitale, anche se a Roma ci sarà il primo maxi processo a Carminati e soci, Vittorio Casamonica può essere salutato in questo modo. Un segnale sociale devastante. E voglio vedere se adesso qualcuno, anche nella società civile, continuerà a dire che quella che c’è a Roma non è mafia”.

In più c’erano i cartelloni all’entrata della chiesa: Vittorio Casamonica si auto considerava Re di Roma. Lo stesso titolo della sua inchiesta sulla mafia a Roma: solo una coincidenza?”
“Aldilà delle coincidenze, credo che questo dimostri ancora una volta come i mafiosi ci tengano ad un certo tipo di taglio mediatico. Devono rimarcare la loro importanza, perché d’altra parte il potere di un uomo di mafia deriva dal fatto che tutti conoscono la sua appartenenza ad un’organizzazione criminale, in alternativa l’influenza di un boss sarebbe nulla. Casamonica si è appropriato della definizione di Re di Roma perché era l’unico modo per primeggiare totalmente sugli altri clan, nonostante la sua zona d’influenza sia in realtà molto ridotta. In un’intercettazione Massimo Carminati definiva i Casamonica come “straccioni”. Loro non avrebbero potuto vendicarsi con le armi, perché a Roma vige una specie di pax mafiosa, ecco quindi che provano ad emergere a livello mediatico”.

In un certo senso si può dire che boss come Casamonica o lo stesso Carminati ci tengano ad essere dipinti sui giornali in un certo modo?
“Assolutamente sì, ma fino ad un certo punto. A Carminati va bene essere considerato un assassino, un boss, un capo. Ma se racconti dei suoi guadagni con la cocaina va fuori di testa. I precedenti in questo senso si sprecano: è successa la stessa cosa con Leoluca Bagarella, che non si arrabbiava certo se raccontavi che era mandante ed esecutore di stragi. E lo stesso Bagarella scelse la colonna sonora del Padrino come musica del videotape del suo matrimonio, nel 1991 a Villa Igiea. Una cornice molto simile a quella del funerale di Casamonica”.

Dove un elicottero ha sorvolato la chiesa gettando petali di rosa: come mai è stato autorizzato tutto questo?
“Perché a Roma si tende ancora oggi a sottovalutare il fenomeno della criminalità organizzata. Sappiamo bene che in Sicilia e in Calabria, ormai i prefetti vietano funerali di boss mafiosi proprio per questo motivo: per il messaggio che si lancia. Invece Roma è il posto in cui ad ogni obiezione ti rispondono: se po’ fa’. Roma è la città del se po’ fa’.

Anche in Sicilia, ormai, i sacerdoti rifiutano sempre più spesso di concedere le chiese per funerali dei mafiosi. Qui invece il parroco della chiesa  ha accettato che si facesse il funerale, e che venissero affissi quei cartelloni.
“Io non so se Vittorio Casamonica sia morto con una condanna definitiva per mafia o meno, ma il parroco così come tutti i presenti sapevano bene di chi fosse quel funerale. Ed è una cosa che ci deve far riflettere, perché appena un anno fa Papa Bergoglio, in Calabria, ha scomunicato i mafiosi, tutti i mafiosi. Ecco, credo che Papa Bergoglio sia anche il Papa del sacerdote che ha officiato i funerali di Casamonica: mentre in Calabria e in Sicilia i sacerdoti rischiano in prima persona per dire no alle cosche, a Roma viene data la possibilità ad un clan di mettere in scena questo spettacolo”.

Il rischio quale è?
“Che in un momento in cui bisognerebbe mantenere alta l’attenzione sul fenomeno mafioso nella capitale, alla vigilia del primo storico maxi processo, si abbia un calo da parte delle autorità oltre che della stessa società civile. E a Roma non ci sono bande, ma associazioni criminali organizzatissime che aspettano proprio questo: un calo d’attenzione per insinuarsi nuovamente e riprendere potere. La disattenzione di oggi lo dimostra: le autorità hanno abbassato la guardia, e Vittorio Casamonica ha avuto un funerale da padrino”.

Twitter: @pipitone87
giuseppepipitone1987@gmail.com