Uno scout di 18 anni è morto in un incidente in canoa nel fiume Adda: a dare la notizia è stata l’Areu (Azienda regionale emergenza urgenza). Sebastiano Chia, giovane che viveva nel bergamasco, stamattina con altri otto canoisti del gruppo scout di Bergamo, era partito dalla sponda lodigiana del fiume da Gera d’Adda, frazione di Pizzighettone. Poco dopo la partenza, Chia è passato in un punto di corrente molto forte e ne è rimasto risucchiato. La canoa, dopo essersi incastrata in una chiusa, si è ribaltata. Il ragazzo che in quel momento stava indossando il giubbotto salvagente è finito sott’acqua. Il capo scout si è tuffato per soccorrerlo invano. L’allarme, da quanto emerso, è scattato alle 11.06 a Pizzighettone, ma quando i vigili del fuoco sono arrivati sul posto da Cremona, il personale dell’automedica di Casalpusterlengo, dopo aver recuperato il corpo e l’imbarcazione, ha dichiarato il decesso del 18enne.

Il giovane scout era partito da Cassano d’Adda, in provincia di Bergamo, e coi suoi compagni del gruppo stava scendendo il fiume verso Cremona. La notte scorsa aveva alloggiato all’oratorio san Luigi di Pizzighettone.