Sono stati iscritti nel registro degli indagati i vigili urbani e lo psichiatra di Torino che hanno eseguito il trattamento sanitario obbligatorio ad Andrea Soldi, il 45enne morto nel capoluogo piemontese dopo essere stato caricato a forza su un’ambulanza e portato in ospedale per il trattamento. Soldi era stato caricato in piazzale Umbria. Morirà poco dopo al Maria Vittoria, già in arresto respiratorio secondo i medici del pronto soccorso.

“Andrea era tranquillo – si legge su Repubblica Torino, che riporta le parole di un un testimone I vigili in borghese lo hanno preso per il collo, alle spalle. Mentre lo stringevano aveva la lingua fuori e non respirava più. Lo hanno caricato in ambulanza a faccia in giù, ammanettato”. Su questo hanno lavorato ieri i carabinieri del Nas di Torino, cui il pm Raffaele Guariniello ha affidato l’incarico di raccogliere le testimonianze delle persone che hanno assistito al Tso.

L’iscrizione nel registro consentirà ai tre vigili urbani e allo psichiatra che hanno eseguito il tso di nominare consulenti di fiducia in occasione dell’autopsia. L’esame sarà effettuato lunedì dal medico legale Valter Declame. I vigili che hanno caricato Soldi in ambulanza si sono difesi dicendo invece che l’uomo aveva dato in escandescenze al momento del trasporto, anche se finora nessun testimone ha confermato questa versione.

Anzi, si infittiscono le testimonianze di segno contrario. Negli uffici della procura di Torino proseguono gli interrogatori dei testimoni. Molte persone hanno riferito che per immobilizzare il paziente, un uomo di 120 chili che dal 1990 soffriva di schizofrenia e aveva dato in escandescenza, sono state usate maniere troppo forti. Il primo passo è stato sequestrare il telefonino a un pensionato, ex carabiniere in pensione, che dalla sua finestra di casa ha fotografato l’ultima fase dell’intervento dei vigili, ritraendo Andrea a terra, le mani ammanettate dietro la schiena, immobile, a faccia in giù. Il suo telefonino contiene 9 foto che saranno raccolte in un cd e inviate al pm con una prima informativa, con i verbali delle testimonianze. Una decina in tutto.

La Procura vuole far luce sul comportamento adottato dallo psichiatra e dai vigili urbani, che sono stati trasferiti “in via prudenziale” a incarichi non operativi dopo che anche la Polizia municipale ha avviato nei loro confronti una indagine interna. Soltanto l’autopsia potrà però stabilire con esattezza le cause del decesso. La sorella della vittima, Cristina, ha incontrato il pm Guariniello: “Mio fratello era malato – ha detto la donna –  era già stato soggetto a trattamenti sanitari e non c’era stato alcun problema. Era buono – ha aggiunto – e non aveva mai fatto del male a nessuno”. Anche la direzione sanitaria dell’Asl To 2 ha avviato “accertamenti interni”, richiedendo una relazione sull’accaduto al servizio psichiatrico.