“La morte di Davide rischia di diventare un incentivo per i giovani a considerare il loro quartiere un territorio in cui chiudersi, credo che con il giovane sia morto anche un pezzettino del futuro di tanti altri ragazzi”. Così l’attore Ascanio Celestini intervenuto a Napoli, nel rione Traiano, per un’iniziativa nel quartiere di Davide Bifolco, il sedicenne ucciso da un carabiniere la notte del 4 e 5 settembre 2014 durante un inseguimento. Celestini, accompagnato dalle musiche del cantautore Alessio Lega, legge fedelmente la trascrizione delle interviste rilasciate dai genitori di Davide nel corso dei mesi. In attesa della sentenza prevista il prossimo 23 luglio, Gianni, il padre della vittima è sfiduciato sull’esito del processo: “C’è ancora tanta rabbia perché quando poliziotti e carabinieri sbagliano, perché inciampano, loro inciampano sempre, perché non devono pagare?”  di Fabio Capasso