La Lega Nord torna di nuovo a Pontida, tra gadget, magliette verdi, ruspe ben in vista sul sacro prato e tante bandiere. Quest’anno, però, vengono anche dal Mezzogiorno. Il nuovo corso del Carroccio guidato da Matteo Salvini abbatte i tradizionali confini della Padania e si spinge a Sud. “Siamo qui perché riconosciamo Salvini come leader”, hanno spiegato in tanti. Sulla propaganda antimeridionale sono in molti a pensare che “sia acqua passata” e che ora si guardi tutti insieme al futuro del Paese. Mentre sulle istanze indipendentiste della Padania i più spiegano che “le istanze federaliste possono essere riprese anche nel meridione”  di Mario Catania e Alessandro Madron