David Cameron resta primo ministro e con la maggioranza assoluta dei seggi, nuova e inattesa sconfitta per i Laburisti, boom dello Scottish National Party, euroscettici di Nigel Farage terza forza politica ma penalizzata dal sistema elettorale maggioritario. I risultati delle elezioni politiche consegnano al Regno Unito un nuovo governo conservatore, che guiderà il Paese da solo dopo aver conseguito 331 seggi su 650. “Ho visto la regina – ha detto il primo ministro parlando di fronte a Downing Street – e formerò un nuovo governo”. Che questa volta, dice, sarà monocolore. “Ho sempre creduto di dover governare con rispetto”, ha aggiunto, impegnandosi a proseguire nel percorso di devolution per la Scozia, il Galles e l’Irlanda del Nord, sul quale “tutti i partiti” si erano espressi a favore nel precedente ParlamentoIn più ha confermato che nel 2017 si terrà il referendum sulla permanenza o l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea.

Sonori i ko rimediati da Labour Party, Lib-dem e Ukip, i cui leader si sono tutti dimessi nel giro di poche ore. Il primo è stato Nigel Farage: il leader dell’Ukip, il partito anti-Ue e anti-immigrati, è rimasto fuori dalla Camera dei Comuni, perché battuto nel suo collegio dal conservatore Craig MacKinlay, e ha lasciato l’incarico. Ulteriore elemento di amarezza per lo United Kingdon Independence Party: la formazione si attesta attorno al 13% dei consensi, ma manda a Westminster un solo deputato; il partito nazionalista scozzese, invece, ha il 5% ma ottiene 56 seggi. Batosta anche per i liberaldemocratici di Nick Clegg, fino a ieri al governo con i conservatori, che ha rassegnato le dimissioni dalla guida del partito dopo aver perso 47 seggi sui 57 ottenuti nel 2010. Il terzo a rimettere il mandato è stato Ed Miliband: “Mi assumo tutta la responsabilità della sconfitta”, ha detto il leader laburista nella conferenza stampa con cui ha commentato il risultato elettorale.

Cameron: “Futuro luminoso per tutti” – “Questo è per un futuro luminoso per tutti”, è la scritta che accompagna la foto postata da David Cameron su Twitter per festeggiare la vittoria: nell’immagine il leader tory bacia la moglie sorridente. “Il mio scopo rimane semplice: guidare il Paese sulle basi di un governo per tutti nel nostro Regno Unito – ha detto il premier – questa è stata chiaramente una grande notte per il partito conservatore. Penso che abbiamo ricevuto una risposta positiva a una campagna positiva per la salvaguardia della nostra economia e per la creazione di lavoro”. Nel suo discorso davanti a Downing Street dopo aver incontrato la regina Elisabetta II, ha inoltre ringraziato l’ex vicepremier liberaldemocratico, Nick Clegg, e il leader del partito laburista dimissionario Ed Miliband, che ha definito un politico che “è al servizio pubblico per tutti i giusti motivi”.

 

Miliband: “Profondamente dispiaciuto”. E si dimette “Voglio dire a tutti i colleghi dedicati e competenti in Scozia, che hanno perso i loro seggi, che sono profondamente dispiaciuto per quanto è accaduto”, ha detto Ed Miliband rassegnando le dimissioni da leader del Partito Laburista. Miliband si è assunto la “assoluta e totale responsabilità” dei risultati negativi del suo partito. “La lotta continua”, ha però aggiunto, sottolineando che ora il partito deve ricostruirsi: “Tutti noi dobbiamo aderire alla sfida di tenere il insieme il nostro Paese”.

Clegg: “Hanno vinto paura e ingiustizia” – Nick Clegg ha annunciato le sue dimissioni da leader dei libdem. Per Clegg è stato “semplicemente straziante” vedere molti colleghi e amici perdere i loro seggi alla Camera dei Comuni. Ha affermato che la responsabilità per la sconfitta ricade su di lui e che i libdem pagano il prezzo di essere stati al governo. “La paura e l’ingiustizia hanno vinto. Il liberalismo ha perso. Ma ora più che mai dobbiamo continuare a lottare”, ha aggiunto, sottolineando che è “un’ora buia” per il partito ma che i valori liberali devono essere difesi.

Farage: “Mi tolgo un peso enorme” – “Una parte di me – ha detto Nigel Farage, annunciando le proprie dimissioni – è delusa, l’altra è più felice di quanto non mi sia sentito da molti, molti anni”. “Sono un uomo di parola”, ha detto ancora il leader dell’Ukip in riferimento a quanto detto durante la campagna elettorale, quando aveva affermato che avrebbe lasciato la guida del partito in caso di mancata elezione a Westminster. Farage ha inoltre annunciato che raccomanderà allo stato maggiore dell’Ukip di nominare Suzanne Evans leader a interim. Quanto al suo futuro, Farage ha espresso l’intenzione di volersi “divertire un pò” e trascorre l’estate in vacanza. Tuttavia, Farage non ha escluso un ritorno alla guida dell’Ukip affermando che prenderà in considerazione l’idea di presentare la propria candidatura quando il partito sarà chiamato ad eleggere un nuovo leader a settembre.

Trionfa lo Scottish National Party – Trionfo record, invece, stando sempre alla Bbc, per gli indipendentisti scozzesi dello Snp della ‘dama rossa’ Nicola Sturgeon, che dopo la delusione del referendum sulla secessione farebbero piazza pulita in Scozia in 56 collegi su 59, calando su Londra con 51 deputati in più rispetto alla volta scorsa. Tra le città dove il successo è stato più travolgente c’è la (ormai ex) roccaforte Labour di Glasgow, in cui gli indipendentisti hanno cacciato i rivali ovunque: la località scozzese è la più grande città ad avere cambiato bandiera politica. Non è un caso che Cameron, nella sua prima dichiarazione post voto, abbia annunciato che è sua intenzione mantenere unita la Gran Bretagna ma, allo stesso tempo, attuando il più rapidamente possibile la devoluzione della Scozia: “Voglio riunire il Paese, riunire il Regno Unito, mettendo in pratica il prima possibile il decentramento che abbiamo promesso per Scozia e Galles e su cui ci siamo accordati con altri partiti”.

Sturgeon: “Siamo a uno spartiacque storico” – “Siamo a uno spartiacque storico. Il firmamento politico, le placche tettoniche della politica scozzese si sono spostate – ha detto Nicola Sturgeon – qualunque sarà il governo che nascerà a Westminster, quello che è accaduto in Scozia non potrà essere ignorato“, ha aggiunto. “I laburisti stanno perdendo contatto con il popolo scozzese da anni e stasera il popolo della Scozia ha riposto la sua fiducia nell’Snp affinché faccia sentire la voce degli scozzesi e si batta per una politica progressista, che è esattamente ciò che intendo fare”, ha detto ancora Sturgeon.

I partiti unionisti nordirlandesi hanno conquistato 10 dei 18 seggi disponibili alla Camera dei Comuni britannica per l’Irlanda del Nord. Il partito democratico unionista (Dup) ha infatti mantenuto gli otto seggi conquistati nelle elezioni del 2010, mentre il partito unionista dell’Ulster (Uup), che cinque anni fa uscì dal voto a mani vuote, ne ha ottenuti due. Il Sinn Fein, ramo politico dell’ora inattivo Irish republican army (Ira) e sostenitore dell’unificazione dell’Irlanda, ha invece perso uno dei cinque seggi conquistati nel 2010. I nazionalisti moderati del partito socialdemocratico e laburista, quarta forza regionale ideologicamente vicina ai laburisti britannici, ha mantenuto i tre seggi ottenuti cinque anni fa. L’indipendente Sylvia Hermon, ex dirigente dell’Uup, ha conquistato l’ultimo seggio, mantenendo il suo posto.

Record di donne al Parlamento britannico – Come riporta il Daily Telegraph, all’indomani delle elezioni, oltre il 30% dei parlamentari britannici saranno donne, contro il 22% dell’ultima volta. Quindi, si legge ancora sul quotidiano britannico, forse a Westminster sta iniziando a passare il messaggio sulla parità di genere. La più giovane di loro ha 20 anni. Si tratta di Mhairi Black, esponente dell’Snp, il partito nazionalista scozzese, che ha avuto la meglio sull’esponente laburista Douglas Alexander nel collegio di Paisley and Renfrewshire. Black è anche la la più giovane candidata eletta al parlamento britannico dal 1667.

Flop sondaggi, annunciata un’inchiesta – Dopo il clamoroso flop di tutti i sondaggisti britannici, che fino all’ultimo momento hanno sottostimato il risultato elettorale dei Conservatori rispetto a quello dei Laburisti, il British Polling Council annuncia l’apertura di un’inchiesta. “Gli ultimi sondaggi di opinione prima delle elezioni chiaramente non sono stati accurati come vorremmo”, afferma l’Associazione degli istituti di sondaggi britannici. Gli errori compiuti, prosegue, “indicano che i metodi utilizzati dovrebbero essere sottoposti ad una indagine attenta e indipendente”. L’inchiesta, che verrà condotta insieme alla Market Research Society e sarà presieduta da Patrick Sturgis, professore di metodologia della ricerca e direttore del Centro nazionale di ricerca, “accerterà le possibili cause di questi errori e fornirà raccomandazioni per i sondaggi futuri”.