Un ex poliziotto di Alessandria ha ucciso la compagna cubana e ha chiamato le forze dell’ordine. Poi ha preso a noleggio un’auto e ha imboccato l’autostrada verso Ventimiglia. Lì la polizia lo ha trovato morto nel’auto in fiamme insieme al corpo di un’altra donna. Il movente, secondo le prime ipotesi, sarebbe legato a motivi religiosi: l’ex agente faceva parte di una setta attiva in Sudamerica.

E’ stato proprio l’ex agente a chiamare, nella notte, la questura di Genova. “Ho ucciso una donna, il cadavere è qui, nel mio appartamento”, ha detto facendo scattare le indagini della squadra mobile di Alessandria, dove l’uomo viveva. Nel suo appartamento, al quarto piano di via Pascoli, c’era in effetti il corpo di una donna di origini cubane, 62 anni. Gli investigatori l’hanno trovata sul letto, sotto le coperte, nuda: nessun segno evidente di violenza da un primo esame del medico legale, secondo cui la morte risalirebbe ad almeno 48 ore fa. Per stabilire le esatte cause del decesso sarà quindi necessaria l’autopsia.

La polizia si è messa subito sulle tracce dell’ex poliziotto, che nel frattempo ha noleggiato un’auto di grossa cilindrata (secondo i vicini aveva avuto un incidente pochi giorni fa), un’Audi A6 station wagon, e si è diretto verso la Liguria. “Ne ammazzerò altre, poi mi toglierò la vita”, aveva detto al 113, prima di far perdere le proprie tracce. La telefonata, secondo quanto appreso, sarebbe partita da un cellulare nella zona tra Arenzano e Cogoleto.

L’uomo è stato poi trovato carbonizzato sull’auto lungo l’autostrada A10 Genova-Ventimiglia, all’altezza di Orco Feglino (Savona). Con lui è morta una donna alessandrina di 47 anni. Le fiamme hanno completamente distrutto l’auto in quello che gli investigatori definiscono un “incidente anomalo”. Avrebbe urtato il guardrail, ma senza neppure ammaccarlo. Gli investigatori non escludono che a bordo dell’auto ci fossero delle taniche di benzina e che l’uomo abbia dato fuoco all’abitacolo. L’uomo avrebbe lasciato alcune lettere, ora al vaglio degli investigatori.