“L’unico esempio di fiducia sulla modifica di una legge elettorale è stata fatta da Benito Mussolini nel 1923”. Con queste parole Danilo Toninelli, deputato del Movimento 5 Stelle, annuncia battaglia alla camera dopo che il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi non ha escluso “come estrema ratio” il ricorso al voto di fiducia. “Spero che nel caso intervenga il presidente Sergio Mattarella – continua – perché il provvedimento è incostituzionale”  di Manolo Lanaro