“La multa da mille euro l’ho presa io e non c’è nulla di male. Non siamo una società pubblica”. Parola di Norberto Achille, il presidente di Ferrovie Nord Milano: “Il mio mandato scade a maggio e ho già detto a Maroni che non voglio la riconferma”.

Cosa dice delle spese pazze con il fondo della presidenza di FNM?
Alla presidenza sono convogliate spese che riguardano persone diverse, la questione è al vaglio della magistratura e non spetta certo a me dare risposte.

E le multe delle auto?
La società mette alcune auto a disposizione della presidenza e degli altri del consiglio che ne hanno bisogno.

Al Fatto risultano 170 mila euro di multe stradali. Per una su tre non si sa chi sia il conducente. Possibile?
Queste auto avevano dei permessi per circolare sulle corsie preferenziali. Alcune volte scadevano e non venivano rinnovati. Si è fatta un po’ di confusione. Magari poi non vengono saldate puntualmente e scattano le sovrattasse. Deve essere successo qualcosa del genere ma non so l’entità.

Una BMW 535 di FNM ha preso una multa a Basilea (sabato 31 luglio 2010) chi la portava?
Ma (ride, ndr) le pare che le posso raccontare quello che succede durante l’esercizio della mia professione?

Ah quindi lei era per lavoro a Basilea?
Certo. Andavo in Germania alla Nord Cargo (partecipata FNM che ha una sede a Mainz, ndr) ma ora sta esagerando. Nessuna vacanza.

Qualcuno maligna sul fatto che una delle due auto a disposizione della presidenza sia stata usata talvolta da suo figlio.
È falso.

È vero che lei ha avuto in uso tre telefonini per decine di migliaia di euro di spesa?
Non è vero. Io ho solo un telefonino.

Gli altri due chi li usa?
Lo chieda alla società.

Dove sono finiti i tre quadri comprati alla Galleria Sacerdoti per 17 mila euro?
E lo chiede a me?

Certo. La Regione Lombardia e le FS controllano FNM e quindi sono soldi pubblici.
Ma cosa dice? FNM è una spa quotata in Borsa che fa utili. Non gestisce soldi pubblici.

da Il Fatto Quotidiano del 2 aprile 2015