“Mi sembra che in questi mesi Bondi avesse più volte espresso le sue perplessità, scelta legittima”. Così Giovanni Toti, eurodeputato e portavoce di Forza Italia, commenta a Montecitorio l’addio dal partito di Sandro Bondi, senatore, ex ministro e tra i fondatori di Forza Italia. “Quello che non posso accettare – spiega ai microfoni de ilfattoquotidiano.it – è un dibattito su cui tutti parlano di rinnovamento e nessuno vuole rinnovare nulla, restando al suo posto anche dopo decenni e decenni, se vogliamo rinnovare un partito – continua – è evidente che non si deve radere al suolo nulla della casa, perché fondamenta e pareti sono solide, bisogna rinnovare l’arredo interno, la vernice vecchia”. “Temere altri addii? Io non temo gli addii, spero in nuovi ingressi e se qualche addio lascia un posto vuoto, tutto sommato…”  di Manolo Lanaro