“Se dovesse succedere qualcosa a me o ai miei familiari, verrebbero consegnati e pubblicati in Italia i numeri dei conti correnti svizzeri sui quali sono state depositate le somme delle tangenti dell’affare Telekom Serbia”. A minacciare di rivelare tutta la verità su uno dei casi più complicati degli ultimi 15 anni è l’ex parlamentare di Forza Italia Amedeo Matacena, oggi latitante a Dubai dopo una condanna definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa. “Me li ha dati un broker amico mio che ha fatto l’operazione per conto di tre politici della sinistra italiana – questo secondo Matacena contattato su Skype -. È stranamente morto quando aveva meno di 60 anni. Di morti strane purtroppo ne ho viste”. Chi sono i nomi dei politici titolari di quei conti? “I nomi li potete ricavare dalle indagini che sono state fatte a suo tempo”. L’ex parlamentare si scaglia anche contro il componente della commissione antimafia Davide Mattiello che, per primo, nei giorni scorsi ha parlato di pericolo per l’incolumità di Matacena: “Vorrei capire per chi fa il ventriloquo”  di Lucio Musolino