Bombe al cloro. Vengono usate, secondo fonti ufficiali irachene, dai miliziani dello Stato Islamico per attaccare l’esercito in Iraq. Gli ordigni diffondono nell’aria un caratteristico fumo arancione, come quello mostrato nei filmati che i vertici dell’esercito iracheno hanno fornito alla Bbc, disponibili online sul sito stesso dell’emittente. Più volte era stato riferito dell’uso di gas clorino dall’anno scorso, ma solo ora arriva una conferma ufficiale da parte delle autorità sulla base di alcuni filmati dell’emittente pubblica britannica.

Le bombe al cloro, secondo Haider Taher del nucleo artificieri iracheno, vengono fabbricate artigianalmente dai miliziani e il gas che emanano è particolarmente tossico per chi lo respira: il cloro infatti brucia i polmoni quando viene inalato in grandi quantità, anche se non è dannoso come il gas nervino. La loro funzione è più che altro psicologica: la nube di fumo arancione che emanano con l’esplosione semina il panico tra la gente.