Lancio di razzi e fumogeni in campo, invasione e scontri con la polizia con spranghe, bastoni e oggetti di metallo. E’ stata questa l’introduzione al derby di Atene, domenica, tra Panathinaikos e Olympiakos, considerato uno dei più caldi d’Europa. Secondo un primo bilancio, sarebbero due le persone rimaste ferite. I fatti: i Gate 13, gli ultras della squadra di casa, la tifoseria più antica del Paese, hanno voluto dare ai rivali storici una dimostrazione di forza già durante il riscaldamento delle due squadre. Mentre i giocatori si stavano preparando ad affrontare il match, dalla curva dei “trifogli” sono iniziati a volare in campo fumogeni e razzi sparati ad altezza uomo. Poi, una cinquantina di uomini incappucciati ha fatto invasione di campo, dando il via agli scontri che hanno visto protagonisti gli ultras e le forze dell’ordine. Dopo minuti di guerriglia, con giocatori e dirigenti costretti a rifugiarsi negli spogliatoi, la polizia in tenuta antisommossa è riuscita a riportare i violenti all’interno del settore, permettendo così ai giocatori di giocare la partita che si è conclusa sul risultato di 2-1 per i padroni d casa collaborazione di Gianni Rosini (video tratto da Youtube)