“Ci ricordiamo delle infrastrutture al Sud solo in campagna elettorale, poi non si fa più parola di ‘Questione meridionale'”. E’ il commento della deputata del Movimento Cinque Stelle Claudia Mannino dopo il crollo del viadotto Scorciavacche sulla Palermo – Agrigento inaugurato a Natale e crollato a Capodoanno. La deputata siciliana nel luglio scorso aveva presentato un’interrogazione al ministro dei Lavori Pubblici Maurizio Lupi (Ncd) per fare chiarezza sul cedimento di tre viadotti nel giro di tre anni nell’isola. Oggi le vicende già denunciate sembrano ripetersi: “Risulta strano che per il viadotto Scorciavacche l’asfalto sia stato posizionato direttamente sulla terra. Sono necessari controlli – continua – ci sono in tutti i paesi europei, ma non nel nostro Paese. In Italia manca la trasparenza sia sulla assegnazione degli appalti che sulla realizzazione dei lavori”  di Annalisa Ausilio