“La Commissione disciplinare dell’Uefa è indipendente, non sta a me decidere”. Così Michele Platini, presidente dell’Uefa, commenta la sentenza “soft” nei confronti di Carlo Tavecchio accusato di aver pronunciato frasi razziste quando si trattò di esporre la sua posizione circa i troppi stranieri presenti in Italia. Il presidente della Figc si espresse così: “Optì Pobà è venuto qua, che prima mangiava le banane, adesso gioca titolare nella Lazio. E va bene così”. Sul fatto che nella sentenza Uefa non compaia nemmeno la parola “sospensione“, Platini non vuole responsabilità: “È la commissione disciplinare che ha deciso, per alcuni è già abbastanza così”. Secondo il numero uno dell’Uefa “si è fatto già e continuiamo a fare già molto contro il razzismo”  di Alessio Pisanò