Fa discutere la riforma del Lavoro annunciata dal governo. Servirà davvero a riaprire il mercato in favore dei non tutelati o renderà il lavoratore dipendente ancor più precario e ricattabile? Il tema non è di agevole lettura per i non addetti ai lavori, tanto che in strada prevalgono confusione e scarsa informazione. Eppure le opinioni, che inevitabilmente scontano simpatie e ostilità politiche, si dividono. Un elemento sembra certo: difficile che le nuove regole possano far ripartire un’economia bloccata. E voi cosa ne pensate? Dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina