Non voterò mai la fiducia su questa delega in bianco, così come non voterò mai una legge elettorale pasticciata come quella che Renzi e Berlusconi stanno preparando. L’Italicum è una truffa. Se mi vogliono cacciare mi caccino“. Sono le dure parole pronunciate dal senatore Pd Corradino Mineo, intervistato da Lanfranco Palazzolo per Radio Radicale, a proposito del ‘jobs act’ e della legge elettorale. E sul primo tema puntualizza: “E’ una delega in bianco. Il governo in realtà vuole che il Parlamento gli consenta di cambiare come vuole e quando vuole, in parte o in tutto, lo statuto dei lavoratori. Dopodiché procederà con i relativi decreti legislativi senza alcun controllo delle Camere. C’è la solita insofferenza nei confronti del Parlamento“. E aggiunge: “I soldi per fare una riforma del lavoro non ci sono. Questa storia tutta ideologica sull’articolo 18 nasconde il fatto che questo governo non sta facendo nulla. Già credere che le imprese che lavorano per il mercato interno e che già possono licenziare a piacimento, assumano nuovi giovani è una stupidaggine. La questione vera è che Renzi non sta dicendo la verità. Smettiamola di non dire la verità al Paese“. Mineo invoca quindi le elezioni: “Tra la crisi, che è più grave di quello che sembrava, e l’inossidabile tenuta tedesca sulla politica del rigore, gli spazi per governare quasi non ci sono. Molto meglio andare a votare subito con la legge che c’è: il ‘consultellum’. Proporzionale e preferenza”. Il parlamentare attacca poi il premier e il Pd: “Ha ragione qualche intellettuale, come Ilvo Diamanti, quando dice che non siamo più davanti al Partito Democratico, ma al partito di Renzi, e lo chiama PdR. Molti leader del Pd che hanno accettato tutto, anche l’inaccettabile, come la pessima riforma del Senato, ora cominciano a temere di scomparire del tutto”. E sottolinea: “L’atteggiamento e i toni usati da Renzi espellono dalla politica tutti quanti non siano d’accordo con lui: da Bersani a Fassina fino ad Orfini. Il ragionamento è: tutti quelli di prima sono cattivi, Renzi ha ragione, diamogli una delega in bianco. Per questa via possiamo anche abolire il Parlamento“. Mineo, infine, accusa il governo di non affrontare in modo adeguato la questione sulla lotta contro la corruzione e sul conflitto di interessi, a causa dei freni opposti da Forza Italia e Ncd