Lo scorso 20 agosto una troupe della televisione tedesca ARD è stata aggredita a Oppido Mamertina, in provincia di Reggio Calabria, dai familiari del boss Giuseppe Mazzagatti. I cronisti erano lì per raccontare la storia dell’inchino della Madonna. Ma la famiglia mafiosa non sembra proprio aver gradito. “Voi giornalisti – hanno cominciato a urlare Domenica e Francesca Mazzagatti, le figlie del boss di Oppido – scrivete sempre stronzate”. L’aggressione è stata ripresa con il cellulare di una giornalista della televisione tedesca. La storia è nota. Il 2 luglio scorso a Oppido Mamertina la tradizionale processione della Madonna delle Grazie è passata, sostando brevemente in segno di saluto, sotto la casa del boss 82enne Giuseppe Mazzagatti, condannato all’ergastolo e oggi ai domiciliari. Un gesto che serve a creare consenso e a dimostrare il controllo del territorio da parte della cosca mafiosa. Ma le figlie del boss, quando hanno visto le telecamera di ARD, hanno protestato contro la troupe tedesca. “Non me ne frega nulla. Deve chiudere il telefono – ha detto una delle sue sorelle Mazzagatti – e se ne vada. Ancora sta storia con questi bastardi. Ancora questa storia. Bastardi”. Il filmato è stato consegnato ai carabinieri di Oppido che hanno denunciato Domenica e Francesca Mazzagatti e il marito di quest’ultima, Carmelo Rustico, cugino del prete Don Benedetto che a luglio ha guidato la processione oggetto di un’inchiesta della Dda di Reggio Calabria. I tre familiari del boss si erano impossessati con la forza del filmato che è stato recuperato solo dopo l’intervento dei carabinieri   di Lucio Musolino