“Sulla riorganizzazione del partito c’è una questione nazionale, venerdì faremo la segreteria nuova”. Lo ha anticipato il premier e segretario del Pd Matteo Renzi, parlando con un militante al suo arrivo alla Festa nazionale dell’Unità in corso a Bologna. Ecco la risposta del premier-segretario ai malumori espressi da molti esponenti democratici della vecchia guardia, da D’Alema a Fassina fino a Bersani, che imputano la poca dialettica interna al partito al doppio ruolo di Renzi  di David Marceddu