“Fuori tempo massimo e con un’operazione di mera facciata. Un’informativa che rischia di essere già superata: infatti le notizie sono sicuramente di seconda mano visto che in queste stesse ore Renzi è in visita in Iraq”. Così i parlamentari del Movimento 5 Stelle delle due Commissioni Difesa e Affari Esteri riuniti oggi per decidere l’invio di armi ai curdi in Iraq. Poi, entrando nel merito, Massimo Artini spiega: “Andiamo a fornire armamenti leggeri in un’area in cui i fucili non mancano e che con molte probabilità andranno ad alimentare il mercato nero. Il tutto senza una valutazione della forza curda nell’area”. Il Movimento 5 Stelle aveva presentato una propria risoluzione che prevedeva l’apertura di un corridoio umanitario nell’immediato e a interventi di intelligence. Proposta bocciata da governo e maggioranza  di Manolo Lanaro