“Non ci sarà nessuna misura sulle intercettazioni nella riforma della Giustizia. Sono uno strumento preziosissimo per le indagini e per colpire i mafiosi” Così Rosy Bindi, presidente della Commissione parlamentare Antimafia, commenta le indiscrezioni uscite oggi su diversi quotidiani riguardo la riforma. Poche ore prima la stessa Bindi, sempre a margine dei lavori della Commissione riunita a Torino per due giorni, ha sottolineato come “intervenire sul tema delle intercettazioni possa sempre prestarsi a qualche rischio”. Più sfumata la posizione dell’ex presidente del Pd sulla pubblicazione delle intercettazioni da parte della stampa: “Su questo un po’ di prudenza in più aiuterebbe”  di Cosimo Caridi