“E’un colpo al cuore del Partito Democratico”. Così esordisce Filippo Nogarin a pochi minuti dal raggiungimento di un traguardo storico: aver espugnato quello che da più di 60 anni è un indistruttibile feudo della sinistra, Livorno, diventando il primo sindaco a del Movimento Cinque Stelle. Nogarin, ingegnere aerospaziale di Castiglioncello, accolto tra cori e caroselli di motorini festanti annuncia che “ne vedremo delle belle” e non manca di ricordare che, dopo aver battuto un Pd “che non rappresenta più gli ideali di sinistra”, c’è da tirare fuori la città da una “crisi epocale”. Intanto Alessandro Cosimi, il sindaco uscente del Pd, si augura che il primo cittadino “possa fare meglio di noi”, mentre Marco Ruggeri, il candidato sindaco perdente, ammette: “La responsabilità della sconfitta è solo mia”  di Max Brod