“E’ abbastanza evidente il collegamento all’attività dell’assessore”. Così Nicola Marrone, sindaco di Portici, in provincia di Napoli, commenta l‘incendio dell’auto del capo delle Attività produttive del comune avvenuto qualche giorno fa che, dopo i primi riscontri, pare certa l’origine dolosa del rogo. “Probabilmente il cambiamento culturale che abbiamo portato al Comune dà fastidio a qualcuno”, commenta la vittima Stefania Adele Scarano. “Siamo pronti a svolgere delle grandi opere – continua il sindaco, già magistrato a Torre Annunziata – abbiamo appena avuto un grande finanziamento per il waterfront della città. Anche da questo punto di vista ci stiamo blindando, abbiamo adottato un piano anticorruzione che ci permetterà di prevenire qualunque tipo di interferenza in tal senso”. “Diciamo ai cittadini di questo territorio – avverta Doris Lo Moro, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli atti intimidatori verso gli amministratori locali, che ha incontrato il Sindaco e l’assessore – che c’è un pezzo di Stato che vuole risposte sull’individuazione dei responsabili. E’ da questo, infatti, che passa la capacità da parte dello Stato di dimostrare la sua autorevolezza e la sua presenza”  di Andrea Postiglione