Vedere, uno sguardo infinito è il titolo della IX Edizione di Fotografia europea, il Festival internazionale di Reggio Emilia diventato una delle più importanti manifestazioni di fotografia nel panorama nazionale e internazionale: tre giornate inaugurali, dal 2 al 4 maggio, con un calendario fittissimo di eventi, workshop, incontri, oltre ai vernissage delle numerose mostre, dislocate in vari luoghi della città. Filo conduttore dell’edizione 2014 lo sguardo: il tema della visione è indagato in una prismatica molteplicità di approcci, a partire dalla lezione di un grande maestro della fotografia, Luigi Ghirri, originario della provincia di Reggio Emilia, città nella quale morì nel 1992, stroncato da un infarto, a soli 49 anni.

Attraverso trecento scatti, menabò, libri, cartoline, copertine di dischi, riviste, la mostra Pensare per immagini offre il ritratto a 360 gradi di una delle figure fondamentali della fotografia internazionale del secondo Novecento. Le tre sezioni tematiche – Icone, Paesaggi, Architetture – permettono di ripercorrere le fasi della sua ricerca artistica, i luoghi e le storie da lui immortalate, spesso lungo l’amata via Emilia, facendo emergere la forza di uno sguardo che riuscì ad anticipare e affrontare temi cari alla contemporaneità, come il rapporto con la società dell’immagine o la dialettica tra visione e percezione. La mostra restituisce la complessità della figura intellettuale di Ghirri, che fu fotografo ma anche editore, curatore, appassionato critico ed animatore culturale, a partire dagli anni Settanta, nel costante dialogo con artisti concettuali, architetti, scrittori e musicisti, in particolare i CCCP – con la mostra “Annarella Benemerita Soubrette CCCP Fedeli alla Linea. Senz’altro abito” – e Lucio Dalla.

Presenza di enorme richiamo e prestigio quella della Magnum Photos: la famosa agenzia fotografica internazionale sarà protagonista di una serie di iniziative come la grande retrospettiva, presentata per la prima volta a Reggio Emilia, di Herbert List, il celeberrimo fotografo tedesco le cui potenti immagini in bianco e nero furono accostate alla pittura metafisica di De Chirico e Max Ernst. La mostra The magical in passing comprende un centinaio di opere provenienti da Herbert List Estate: dagli enigmatici scatti notturni all’abbagliante luce del Mediterraneo che si riflette sui corpi di giovani uomini e sulle rovine dell’antica Grecia, fino ai ritratti di celebri artisti del ventesimo secolo che costruiscono l’appassionata dichiarazione d’amore di List per l’Italia. List visitò più volte il Belpaese: una ricerca che negli anni Sessanta confluì poi in un libro fotografico su Napoli realizzato in collaborazione con Vittorio De Sica. L’altra iniziativa curata dall’agenzia è la collettiva No Place Like Home, in cui otto fotografi contemporanei della Magnum si confrontano con il tema dell’abitare.

Insolito ed affascinante l’evento speciale Annarella Benemerita Soubrette CCCP Fedeli alla Linea  – Senz’altro l’abito.La mostra prende spunto da libro fotografico “Annarella Benemerita Soubrette CCCP Fedeli alla Linea”, nel quale si ripercorre l’inedito cammino punk/emiliano/filosovietico del gruppo musicale dei CCCP attraverso il ruolo e la presenza della sua anima femminile, Annarella Giudici, curatrice dell’evento. La storica formazione rock di Reggio Emilia e la sua “benemerita soubrette” vengono raccontate attraverso gli scatti di Vittorio Catti, Roberto Serra, Gianni Ingrosso, Diego Cuoghi, Toni Contiero e dello stesso Ghirri, che fu autore della copertina di Epica Etica Etnica Pathos, ultimo album pubblicato dalla band nel 1990.

Tra le mostre da non perdere “Illusionismo Surreale. Fantasie fotografiche del primo Novecento in Europa”. Trecento cartoline che trasportano il visitatore nel mondo della fotografia di inizio XX secolo e delle sue tecniche, tra fantasie impossibili, sogni misteriosi e dive glamour. Si segnala infine la presenza della fotografa Sarah Moon: ex modella, convertitasi negli anni Settanta alla fotografia di moda, fu la prima donna ad entrare nell’Olimpo dei fotografi del calendario Pirelli. Journal de Voyage è il titolo della mostra allestita per il festival reggiano: per essa la Moon ha lavorato sulle collezioni dei Musei Civici della città, realizzando una serie di scatti di animali, vegetali, paesaggi e delle collezioni di reperti che regalano loro un’inaspettata e rinnovata percezione. Il calendario completo degli eventi è consultabile al sito www.fotografiaeuropea.it.