Da oggi, giorno dei test d’accesso a Medicina e Odontoiatria e nei prossimi giorni in cui sono previsti i test di Veterinaria e Architettura, l’Udu e la Rete degli studenti medi saranno in tutte le università italiane, come ogni anno, accanto alle migliaia di studentesse e studenti, con flash mob e volantinaggi della guida al test sicuro 2014 per prevenire e monitorare eventuali ingiustizie durante lo svolgimento delle prove.

Gianluca Scuccimarra, coordinatore Unione degli Universitari dice che “come tutti gli anni in difesa degli studenti nei prossimi giorni saremo davanti a tutte le università italiane con flash mob e volantinaggi per smontare il numero chiuso partendo da un test sicuro. Distribuiremo le nostre guide al test sicuro – aggiunge – affinché gli studenti siano coscienti di cosa debba o non debba accadere in aula, in modo da poter segnalare qualsiasi irregolarità. Partire da un test in sicurezza è l’unico modo per smontare tassello per tassello il sistema del numero chiuso: basti pensare che non c’è mai stato un anno in cui non vi fossero domande scorrette o violazioni dell’anonimato”.

“Ogni anno sono migliaia le segnalazioni e le irregolarità che avvengono durante i test d’accesso. – sottolinea ancora Scuccimarra – È possibile segnalare le eventuali scorrettezze sia contattandoci via mail a ricorsi@unionedegliuniversitari.it sia attraverso l’app test d’ingresso sicuro 2014. Ricorreremo contro qualsiasi irregolarità ci verrà segnalata nei prossimi giorni, siamo pronti accanto alle migliaia di studentesse e studenti che tenteranno la lotteria dei test, in difesa del loro diritto allo studio. È ora di superare e smontare definitivamente il numero chiuso, la nostra battaglia continuerà a partire dai test di questi giorni sino a quando non avremmo ottenuto l’università libera democratica e accessibile che vogliamo!”.

Alberto Irone della Rete degli Studenti afferma che “partendo dalle assemblee che nelle scorse settimane abbiamo fatto assemblee nelle scuole di tutta Italia per sensibilizzare gli studenti su come affrontare i test d’ingresso, saremo accanto a quelle studentesse e quegli studenti per un test in sicurezza. Ogni anno le ingiustizie aumentano anziché diminuire: l’anno scorso il bonus maturità quest’anno l’anticipazione dei test ad aprile che hanno ingiustamente costretto migliaia di ragazze e ragazzi a tralasciare la preparazione dell’ultimo anno di superiori”.