Il mondo è più sicuro quando Ue e Usa vanno “mano nella mano”. Il presidente Usa Barack Obama, a Bruxelles, per un incontro con i vertici europei ha ribadito la stretta connessione tra Europa e Stati Uniti. “Oggi abbiamo parlato di tanti temi e ci siamo accordati sui passi per aumentare la crescita” ha detto il numero uno della Casa Bianca, che poi arriverà a Roma, al termine dell’incontro con il presidente del consiglio Ue Herman Van Rompuy.

Con i leader della Ue “ci siamo accordati sui passi per aumentare la crescita” e “quando avremo l’accordo” di libero commercio “l’export del gas americano sarà più semplice”, un fatto “importante nel contesto geopolitico attuale”. Che vede la questione delle tensioni in Ucraina all’ordine del giorno. “Se la Russia continua, il suo isolamento sarà sempre più grande e le conseguenze saranno sempre più gravi” ha detto Obama nella conferenza stampa con i leader europei. Il presidente ha sottolineato che Mosca “non è mai stata così isolata” dalla fine della Guerra Fredda e che “si dovrà difendere da sola” all’Onu

“L’Unione europea non riconoscerà mail’annessione della Crimea – ha dichiarato Van Rompuy – Ue e Usa hanno una posizioneforte e coordinata” sulla crisi ucraina. “La Crimea è stata annessa in modo illegale”.  Gli Stati Uniti possono “contare su noi come amici e alleati” ha detto il presidente della Commissione – Josè Manuel Barroso – il comportamento della Russia “è inaccettabile e non può continuare”.