“Queste quattro persone hanno violato il nostro regolamento. Non erano presenti alle riunioni dove prendevamo le decisioni a maggioranza, ripeto a maggioranza”. Così la deputata del M5S Laura Castelli commenta la decisione dell’assemblea dei parlamentari 5 Stelle che si è pronunciata per l’espulsione di Battista, Bocchino, Campanella e Orellana, i quattro senatori che hanno criticato l’atteggiamento di Beppe Grillo nelle consultazioni con il premier Matteo Renzi. “Se questi quattro senatori volevano andare da Renzi per fare accordi col Pd, il problema è loro perché non hanno capito chi è il Partito democratico. Poi – aggiunge – non credo che la loro decisione o quella degli altri che decideranno di seguirli possa danneggiare il M5S“. Sulle voci che altri 10 senatori del M5S possano dare le dimissioni in segno di solidarietà dei dissidenti, Carla Ruocco (deputata M5S) spiega: “I senatori che fanno tutte queste esternazioni, daranno prova di ciò che dicono se si dimettono immediatamente, perchè alla fine sono stati eletti con i voti dei cittadini. Se non si dimettono e cambiano gruppo, è chiaro che ci possano essere magari dei motivi economici per allontanarsi dal nostro Movimento. Fortunatamente queste persone che stanno facendo queste esternazioni non sono grandi risorse”   di Manolo Lanaro