Non è il momento delle grandi monovolume, in Europa: il segmento è in forte crisi, tanto che la Renault sta pensando a una formula più sportiva per l’erede della Espace e altri costruttori, semplicemente, hanno abbandonato il segmento. Ma la Mercedes non sembra farsi spaventare e, partendo dall’ultima generazione del furgone Vito, presenta la nuova Classe V, un pulmino di lusso che può ospitare fino a otto persone su tre file di sedili. Materiali pregiati, pelle e radica a profusione, un motore quattro cilindri turbodiesel, tre diverse lunghezze di carrozzeria e una dotazione impressionante di dispositivi di sicurezza e di confort, che distingue la Classe V dalla sorella “povera”, la versione passeggeri del Vito, chiamata Vito Kombi. Per fare un esempio, il climatizzatore della Classe V è in grado di riconoscere da quale lato dell’auto batta il sole e quindi di correggere automaticamente la temperatura dell’abitacolo in modo da garantire a tutti la stessa temperatura. Un’altra chicca? Vista la grande superficie laterale, la vettura è più sensibile alle raffiche di vento, soprattutto in autostrada e sui viadotti: per questo, un sistema elettronico provvede a correggere la traiettoria nel caso si rischi di sbandare.

Chi sceglierà la nuova Classe V lo farà per due motivi principali: innanzitutto perché non esistono concorrenti diretti nel segmento delle monovolume “premium”. E poi per la sua versatilità: le poltrone sono asportabili e possono scorrere sulle guide posizionate nel pavimento, a seconda che si voglia privilegiare il bagaglio o lo spazio per i passeggeri. E poi si possono scegliere sedili singoli oppure divanetti ribaltabili con schienali divisi in tre parti, oppure ancora una panca che diventa cuccetta per dormire, e la seconda fila può essere posizionata contro marcia in modo da creare una sorta di salotto. Tutti i sedili hanno la stessa dimensione e sono dotati di cassetti sotto la seduta e di cintura a tre punti integrata. Perché la Classe V tratta tutti i passeggeri allo stesso modo, anche quelli che siedono dietro: del resto, questo è un modello pensato non tanto per le famiglie numerose e per gli amanti degli sport ingombranti, ma soprattutto destinato a diventare la navetta degli alberghi di lusso di tutto il mondo.

Mercedes Classe V – la scheda
Che cos’è: è la terza generazione della monovolume della Mercedes, che torna al nome originario. La seconda serie era stata battezzata Viano, mentre la versione furgone s’è sempre chiamata Vito
Varianti di carrozzeria: tre lunghezze, Compact (passo corto di 3,2 metri e sbalzo posteriore corto di 0,8 metri), Long (passo corto di 3,2 metri e sbalzo posteriore lungo di 1 metro) ed Extralong (passo lungo di 3,43 metri e sbalzo posteriore lungo di 1 metro). Una porta scorrevole di serie, due a richiesta

Dimensioni: lunghezza da 4,89 a 5,37 metri, altezza 1,88 metri

Motori a benzina: nessuno

Motori diesel: un quattro cilindri di 2.1 litri in tre livelli di potenza: da 136 CV (V200 CDI), 163 CV (V220 CDI) e 190 CV (V250 BlueTEC)
Cambio: manuale a sei marce oppure automatico 7G-Tronic Plus con funzione stop&start (questa seconda trasmissione è di serie col motore più potente)
Trazione: posteriore 
La versione che consuma di meno: la V 220 CDI da 163 CV, omologata per consumi di 5,7 litri ogni 100 km (ed emissioni di CO2 di 149 g/km) sia col cambio manuale sia con quello automatico 
Sicurezza: sei airbag (per i due sedili anteriori), più a richiesta gli airbag per la testa di tutte e tre le file, protezione preventiva dei passeggeri Pre-Safe. Undici sistemi elettronici, fra cui l’Attention Assist che monitora la stanchezza del guidatore, il riconoscimento automatico dei segnali stradali, il monitoraggio dell’angolo cieco, il sistema antisbandamento e quello di assistenza in caso di vento laterale
Altre dotazioni rilevanti: assetto Agility Control con ammortizzatori a risposta variabile, ausilio alle partenze in salita, Esp con stabilizzatore del rimorchio, assistenza al parcheggio, telecamera a 360°, sedili ventilati, lunotto apribile separatamente, chiusura elettrica del portellone, climatizzatore programmabile e dotato di sensore d’irraggiamento solare, schermo touch multifunzione da 7 o 8”
Produzione: in Spagna, nello stabilimento di Vitoria
Prezzi: non sono stati comunicati quelli italiani. In Germania parte da 42.900 euro

In vendita: ordini a partire dal 6 marzo 2014, consegne da giugno