“Il ministro De Girolamo sa difendersi da sola: si difenderà in Parlamento e con i magistrati“. Così Francesco Boccia (Pd), presidente della commissione Bilancio alla Camera e marito del ministro alle Politiche Agricole risponde a ilfattoquotidiano.it – a margine di un convegno a Napoli – a proposito di quanto dichiarato dal collega di partito Paolo Gentiloni che ha detto che “il Pd è pronto a chiedere le dimissioni della De Girolamo in merito alle polemiche legate alle intercettazioni nell’indagine sull’Asl di Benevento. “C’è un’etica della responsabilità – ha aggiunto Boccia – che riguarda tutti noi”. Quindi anche il ministro? “Riguarda il ministro, i mezzi di informazione, riguarda un delinquente che passa per essere una brava persona, facciamo decidere alla magistratura, che dice?”. E su quanti chiedono le dimissioni della De Girolamo, Boccia risponde: “E’ un loro diritto, sono le regole della politica. Li comprendo, li capisco, è successo molte altre volte, ci sarà un dibattito e il ministro, penso, si difenderà da sola. E’ in grado di farlo”  di Andrea Postiglione