Le tessere di Sinistra Ecologia e Libertà, nell’area metropolitana di Roma, si sono quasi raddoppiate. Ed è caos nel partito. “Potrebbe trattarsi di un miracolo – ironizza Gemma Azuni, consigliere comunale di Sel di Roma capitale. Abbiamo una quantità di nuovi tesserati prima della chiusura delle iscrizioni. In alcuni casi le tessere non presentano email, cellulare e indirizzo fisico. Chiediamo trasparenza“. I numeri parlano di quasi 7mila iscritti a Roma e provincia mentre lo scorso anno gli iscritti erano appena 3800. Sel cala nei sondaggi, ma esplode il numero dei tesserati. In una conferenza stampa Azuni assieme al senatore Massimo Cervellini e altri iscritti hanno chiesto, inutilmente, di rinviare il congresso dell’area metropolitana della Capitale per verificare la reale identità dei nuovi tesserati. Il congresso è, comunque, iniziato. In alcuni circoli gli iscritti sono quintuplicati in poche settimane. “C’è anche il caso del circolo Atac – spiegano in conferenza – appena nato, che vede iscritto un novantaduenne che avrà dimenticato di andare in pensione”. La segreteria, per tutta risposta, ha bollato come ‘irresponsabile‘ l’iniziativa, la commissione nazionale del congresso spiega: “Sul tesseramento non sono state rilevate irregolarità, sono accuse incomprensibili”. Nel partito, che gli ultimi sondaggi danno sotto il 3%, si preannunciano ricorsi e nuove polemiche  di Nello Trocchia