Riunione dei capigruppo al Senato per stabilire il calendario dei lavori in aula. Legge di stabilità e decadenza di Berlusconi in Senato i due nodi principali da sciogliere. Domani pomeriggio era previsto il voto di fiducia in aula sulla legge di stabilità, appuntamento che potrà slittare. Alla fine su richiesta della Lega e di altri partiti d’opposizione continueranno per tutta la notte i lavori in Commissione bilancio per approvare gli emendamenti, “soprattutto quello relativo alla casa, assente nel testo attuale” afferma Bitonci della Lega. Inoltre è stata indetta una nuova riunione dei capigruppo per domani mattina. “E’ evidente che in atto un tentativo di prolungare i lavori per far slittare la data del 27” dichiara Loredana De Petris a capo del Gruppo misto. “La data del 27 è confermata, come ha detto il presidente Grasso, questa è l’unica certezza” afferma lapidario il capogruppo del Pd Luigi Zanda. “Noi abbiamo chiesto tempo per discutere per bene gli emendamenti della legge di stabilità, la decadenza verrà dopo la fine di questo iter, così si era già stabilito in passato” afferma Paolo Romani, capogruppo pro tempore della nuova Forza Italia”  di Irene Buscemi