Il Senato ha approvato il decreto cosiddetto “Svuota carceri con 195 sì e 57 no. Il disegno di legge di conversione è ora definitivo. Per protestare contro il decreto i senatori della Lega Nord si sono armati di fischietto hanno mostrato ai banchi del governo il cartellino rosso. E hanno prima esposto uno striscione, subito rimosso dai commessi, con la scritta: “Basta inganni e illusioni, governo Letta a casa subito!”.

Il capogruppo di Scelta Civica, Gianluca Susta, ha bollato l’episodio come “farsa”. Ma è lo stesso leader del Carroccio Roberto Maroni a rilanciare. Il problema del sovraffollamento delle carceri non si risolve con con lo ‘svuotacarceri’ e meno ancora con l’amnistia: “Se qualcuno pensa di farlo sappia che dalla Lega avrà altro che il Vietnam o l’Afghanistan”.  “Il decreto legge – ha aggiunto – è solo un pannicello caldo. Per risolvere il problema del sovraffollamento degli istituti penitenziari l’unica soluzione è che gli extracomunitari scontino la pena nel loro Paese d’origine”.

Per il senatore Pd, Giuseppe Lumia, l’approvazione del decreto costituisce invece “un primo passo in avanti”. “Il tema delle carceri è complesso e delicato, e non si può esaurire con questo decreto. Ma questo è un passo importante al quale è necessario dare seguito con altri interventi“.