Il giudice di pace Stefania Lavore “è stato tratto in inganno dalla polizia”. L’accusa arriva dal presidente del tribunale di Roma Mario Bresciano, che in merito al caso Ablyazov e all’espulsione di figlia e moglie del dissidente, assolve le colpe della collega, ma punta il dito contro la polizia. Il magistrato sollecita l’apertura di un’indagine e dopo la richiesta di verifiche da parte del ministro della giustizia Annamaria Cancellieri commenta: “Nel lavoro della dottoressa Stefania Lavore non ho riscontrato alcuna irregolarità, anzi. Non posso negare che al suo posto un togato con maggiore esperienza avrebbe potuto accorgersi delle tante stranezze, ma questo non inficia assolutamente quanto è stato fatto. Il comportamento della giudice è stato ineccepibile. L’ho scritto nella relazione che ho trasmesso al ministro”. Il problema dunque, riguarda il comportamento delle forze dell’ordine: “Non altrettanto si può dire della polizia che certamente ha agito con una fretta insolita e anomala. Ma soprattutto ha tenuto per sé delle informazioni preziose»

”La nota dell’ambasciata kazaka non mi è mai stata data”. Stefania Lavore, giudice di pace che ha convalidato il trattenimento di Alma Shalabayeva nel Cie di Ponte Galeria, ha dichiarato di non avere mai visto il documento del 30 maggio, indirizzato all’Ufficio immigrazione della Questura che fornisce indicazioni sulle generalità della Shabalayeva, con la data di nascita della donna e il riferimento a due passaporti nazionali del Kazakistan. Proprio su questo documento e sul perché il giudice non lo avesse visionato, il ministro della Giustizia aveva disposto verifiche tramite l’ispettorato. E gli accertamenti preliminari sono partiti subito. Stefania Levore, infatti, è stata sentita dal presidente del tribunale di Roma, Marco Bresciano, quale organo di vigilanza rispetto al giudice di pace, al quale ho consegnato una relazione scritta.

Se il giudice di pace avesse avuto quella nota, il corso della vicenda avrebbe potuto essere diverso? Di certo, il giudice avrebbe potuto porsi una domanda centrale, e cioè se la donna di cui stava convalidando il trattenimento nel Cie fosse Alma Ayan, in base all’identità da lei stessa fornita, o Alma Shalabayeva, come indicava la nota. I legali di Alma hanno sempre sostenuto che la moglie di Mukthar Alyazov, dissidente kazako, non abbia voluto dire chi realmente fosse temendo ritorsioni per sé e la figlia. Ma certo, il verbale di convalida di trattenimento firmato da Stefania Lavore dopo un’udienza durata circa 40 minuti, fa riferimento ad Alma Ayan.

“Io ho solo applicato la legge – ha spiegato Lavore, rappresentata dall’avvocato Lorenzo Contrada – Sulla base della documentazione fornita dal Prefetto ho convalidato il trattenimento della signora, non certo l’espulsione che non rientra nella mia competenza e che spetta, eventualmente, all’autorità di polizia. Gli unici documenti posti alla mia attenzione sono stati quelli della difesa: si tratta di dichiarazioni della Repubblica Centrafricana secondo cui la donna era un soggetto da loro conosciuto con il nome di Alma Ayan, lo stesso che per il prefetto era presente su documentazione contraffatta e falsa. Con queste carte non avrei potuto adottare decisione diversa da quella che ho preso”.

Il giudice di pace ha preso posizione anche su un altro punto: “Nessuna richiesta di asilo politico mi è stata avanzata dalle parti in quella sede”. Semmai la scelta di trattenere la donna era “finalizzata proprio ad accertare la sua reale identità e non certo ad agevolarne l’espulsione”. Impossibile, a partire da qui, “immaginare cosa sarebbe successo dopo”. “Se mi avesse detto che era in pericolo – ammette Lavore, interpellata telefonicamente – forse le cose sarebbero andate diversamente”.