L’ex capocentro Cia a Milano, Robert Seldon Lady, condannato in Italia per il rapimento di Abu Omar, è stato rilasciato dalle autorità di Panama ed è in volo verso gli Usa. La conferma è arrivata dal dipartimento di Stato americano, dopo le prime indiscrezioni della stampa. Seldon Lady, secondo quanto dichiarato da fonti del ministero degli Esteri panamense, è stato riconsegnato agli americani perché Panama non ha un trattato di estradizione con l’Italia e perché la documentazione inviata dalle autorità italiane era “insufficiente”.

“Sono profondamente rammaricata per l’epilogo della vicenda”, ha commentato il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri”, la nostra domanda è stata disattesa senza plausibili spiegazioni”. Affermazioni che erano state precedute da altre prese di posizioni filtrate da via Arenula rispetto alla tempestività e ai contenuti dell’istanza presentata dall’Italia alle autorità panamensi. Proprio da Panama, infatti, fonti del ministero degli Esteri avevano fatto sapere che la documentazione giunta dalle autorità italiane era “insufficiente” e questo, unito al fatto che Panama non ha un trattato di estradizione con l’Italia, aveva fatto sì che Bob Lady fosse riconsegnato agli Usa. Una ricostruzione contestata dal ministero della Giustizia, che ha replicato sottolineando che la richiesta di fermo provvisorio per Lady è stata “inoltrata tempestivamente”, visto che Cancellieri ha provveduto a firmarla subito, ieri pomeriggio, da Vilnius, in Lituania, dove si trovava per incontri bilaterali, non appena si è appreso della cattura dell’ex 007 e da lì ha provveduto a far inoltrare l’istanza. Ma soprattutto – e questo è un punto chiave – “non è pervenuta alcuna richiesta di supplemento di informazioni”. Quindi, quella documentazione è stata ritenuta completa e sufficiente.

Lo stesso ministro, poche ore dopo, ha voluto prendere direttamente la parola, esprimendo il suo “rammarico” per l’esito della vicenda: “Il ministero della Giustizia – ha ricostruito il Guardasigilli – una volta informato tramite Interpol che Seldon Lady era stato arrestato a Panama, ha immediatamente fatto tutti i passi diplomatici per chiedere il fermo provvisorio al governo di Panama per poi attivare la procedura per l’estradizione. Con grande stupore sono costretta a constatare che la nostra domanda è stata disattesa senza plausibili spiegazioni”.

Il rilascio di Bob Lady, secondo il Washington Post, sarebbe stato deciso proprio per “evitare la possibilità che venga estradato verso l’Italia”. L’ex capocentro della Cia a Milano, condannato in Italia a sei anni di reclusione per il sequestro dell’imam Abu Omar, è stato arrestato ieri sera a Panama. Seldom Lady, fermato dalla locale polizia di frontiera in arrivo dal Costa Rica, era l’unico dei 23 agenti della Cia condannati per quell’episodio sui quali pendeva un mandato di cattura internazionale.

Omar era stato prelevato in una via della periferia di Milano il 17 febbraio 2003 in un’operazione di extraordinary rendition nell’ambito della “guerra al Terrore” condotta dagli Stati Uniti. La Farnesina ha intanto fatto sapere che rispetta le decisioni di Panama.