Hanno assolto Mori? Io boccio questa sentenza“. Così si è espresso Antonio Ingroia, leader di Azione Civile ed ex procuratore aggiunto della Dda di Palermo. “Massimo Ciancimino non è stato creduto? E’ il piglio della magistratura anni ’70. Questo è solo un primo grado di giudizio. Non influirà sul processo sulla Trattativa“, ha continuato Ingroia. “Nicola Mancino ha deposto non dicendo la verità. Il fatto che la corte non lo consideri reticente non influisce di certo sul processo sulla Trattativa”. Ma Ingroia crede ancora che lo Stato possa processare se stesso? “Ho qualche dubbio” ha risposto l’ex toga  di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti