Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Politica & Palazzo > Kazakistan, Let...

Kazakistan, Letta: “Alfano è estraneo”. Renzi: “Il Pd pensa alla poltrona?”

Il presidente del Consiglio: "Per il voto sulla mozione di sfiducia sarò in Aula". La Finocchiaro: "Il titolare del Viminale sia responsabile e rimetta le deleghe". Ma la segreteria decide per il no alla sfiducia. I senatori vicini al sindaco di Firenze: "La posizione del segretario del Pdl è indifendibile"

Enrico Letta e Angelino Alfano

Questa volta il presidente del Consiglio Enrico Letta ci metterà la faccia. Ci sarà anche lui al Senato per il voto della mozione di sfiducia proposta dalle opposizioni nei confronti del ministro Angelino Alfano per la vicenda dell’espulsione della moglie e della figlia di Mukhtar Ablyazov, uno dei principali oppositori al regime del Kazakistan. Ma Letta ci mette anche la mano sul fuoco, apparentemente, perché assicura che Alfano non c’entra nella controversa storia che al momento sembra conclusa con il taglio di due teste di funzionari del Viminale. “Sarò in Parlamento venerdì – spiega il capo del governo – e dalla relazione del prefetto Pansa emerge la totale estraneità del ministro Alfano”. Letta aggiunge di aver chiesto lui l’inchiesta, di averla resa pubblica. Ma non pare tutto così facile. Perché, certo, Letta assicura che non c’è alcun problema con il Partito Democratico né con Matteo Renzi: “Ci parliamo e ci siamo parlati”. Ma la verità sembra un’altra. Perché il sindaco di Firenze torna all’attacco proprio su questo punto: ”Io sto con le forze dell’ordine – scrive nella sua newsletter – perché scaricare su servitori dello Stato tutte le responsabilità senza che venga mai fuori un responsabile politico è indegno per la politica. E per l’Italia”.

Tensione che si scarica anche in Parlamento dove i senatori renziani sono decisi a porre la questione della richiesta di dimissioni all’interno del gruppo del Pd di Palazzo Madama. Ma non ci sono solo i renziani perché un passo indietro di Alfano lo chiedono anche Anna Finocchiaro, Gianni Cuperlo, Felice Casson, Rosy Bindi. Il Pd ha discusso della vicenda anche in segreteria e ha ufficialmente bocciato la linea della sfiducia. “Altrimenti cade il governo”, è la motivazione ufficiale dopo la riunione di questo pomeriggio. Ma c’è da credere che la soluzione ufficiale non sarà quella condivisa da tutti, e che sabato qualcuno nelle truppe parlamentari deciderà per conto proprio.

Renzi: “Una vicenda di cui mi vergogno. Il Pd preferisce la poltrona?”
Intanto Renzi non molla: “Dicono che tutta questa vicenda nasca dalla mia ansia di far cadere il Governo – scrive – Ma la realtà dei fatti è che io non ho alcun interesse a far saltare il governo Letta”. Poi il nuovo attacco “Se molti dirigenti del Pd non vogliono che mi candidi, va bene. Se vogliono tenersi il partito, va bene. Se preferiscono perdere le elezioni pur di mantenere una poltrona, va bene”. Ma non strumentalizzino “una vicenda di cui come italiano mi vergogno”. Anzi, non è Renzi che vuole far cadere il governo bensì “larga parte della classe dirigente del Pdl e del Pd’’ che cerca “di usare questa vicenda per attaccare me”. Se nel Pd lo fanno “per regolare i conti tra le correnti del Pd, mi vergogno per il Pd”. Infine l’ultimo affondo: “La mia ambizione non è cambiare la maggioranza, ma cambiare il Paese – si legge nella sua newsletter – Se Letta lo fa, bene. Se non riesce a farlo, mi dispiace, per lui, per me, per l’Italia. Ma non si cerchino alibi. L’Italia cambierà quando finalmente abitueremo le nuove generazioni ad assumersi le proprie responsabilità”.

Come già avevano fatto in giornata i senatori in “quota Renzi” il sindaco ricorda il caso di Josefa Idem. “Già qualche settimana fa Letta ha chiesto a un ministro di farsi da parte. Sarà lui, che è il primo ministro, a decidere cosa sia più opportuno fare e se le spiegazioni offerte siano convincenti – insiste l’ex rottamatore – Su questa partita aspettiamo di cosa dirà Enrico Letta nella sede suprema, che è quella del Parlamento. Personalmente penso che in questi casi dire la verità sia l’arma più potente per un politico. Raccontare come sono andate le cose, assumersi le responsabilità, parlare con il linguaggio della chiarezza è un investimento di credibilità per l’oggi e per il domani. Sono certo che il nostro Presidente del Consiglio non mancherà di parlare chiaramente, qualunque strada decida di percorrere”.

Finocchiaro: “Il ministro rimetta le deleghe”
In realtà se è tutt’altro che chiara la ricostruzione dell’espulsione della donna e della bambina, consegnate in 48 ore ai diplomatici kazaki e rimpatriate, è del tutto incerta la situazione in Parlamento. Il Partito democratico aveva accolto in modo gelido la relazione di Alfano alla Camera, in mattinata 13 senatori renziani avevano posto la questione al gruppo del Pd di Palazzo Madama (“Chiederemo di sostenere la richiesta di dimissioni del ministro”) ed ora ecco il sigillo di Anna Finocchiaro, ex capogruppo del Senato e ora presidente della commissione Affari costituzionali. “Credo che la posizione del ministro Alfano sia molto difficile. Ieri in Senato abbiamo ascoltato le sue parole. Ma oggi sui giornali ne abbiamo lette altre che non sono esattamente in sintonia con le sue”. Finocchiaro sostiene così che “sarebbe atto responsabilità istituzionale se Alfano rimettesse la sua delega nelle mani del premier”. La mozione di sfiducia si voterà solo al Senato e non alla Camera. A Palazzo Madama sono “pendenti” già le mozioni di sfiducia di Movimento Cinque Stelle e Sinistra Ecologia e Libertà. La Lega Nord ha già annunciato che non le voteranno.

I renziani: “La posizione del ministro è indifendibile”
I dubbi e i malumori del Partito democratico sul caso Ablyazov diventano dunque qualcosa di più concreto. Le parole dell’ex capo di gabinetto del Viminale (tra questi Il Fatto Quotidiano) hanno spinto alcuni senatori vicini al sindaco di Firenze Matteo Renzi a chiedere al gruppo di Palazzo Madama di sostenere la mozione di sfiducia. ”La posizione del ministro Alfano è oggettivamente indifendibile. Chiederemo al Pd, nella riunione dei gruppi domani, di sostenere la richiesta di dimissioni del ministro” affermano in una nota il vicecapogruppo del Pd Stefano Lepri e 12 senatori renziani. “La posizione del ministro Alfano – prosegue il comunicato – è oggettivamente indifendibile. Chiederemo al Pd, nella riunione dei gruppi di domani, di sostenere la richiesta di dimissioni del ministro. Il passo indietro di Alfano serve per restituire al governo, la necessaria credibilità sul piano internazionale e nazionale. La leggerezza che ha portato alla consegna della signora Shalabayeva e di sua figlia alle autorità di un Paese autoritario non è ammissibile. Siamo preoccupati per la loro sorte e per l’immagine che abbiamo dato al mondo, ovvero quella di uno Stato dove si possono calpestare i diritti umani, ad insaputa del governo. Inoltre il precedente che ha portato al passo indietro di Josefa Idem rende le dimissioni di Alfano scontate. Il Pd le chieda ufficialmente, senza incomprensibili timori reverenziali”. 

Casson: “Da Alfano mezza barzelletta”. Rinviata la riunione del gruppo
L’effetto immediato è che la riunione del gruppo Pd è stata rinviata (forse a giovedì 18 luglio). L’assemblea, a cui era prevista la partecipazione anche di Guglielmo Epifani, avrebbe dovuto decidere la linea da tenere in vista del voto sulla mozione. Il Pd, insomma, prende tempo, ma alza il tono. “Abbiamo deciso di prenderci un giorno in più sia per coordinarci meglio con la Camera – si fa sapere – sia per vedere se di qui a domani matura qualcosa…”. Una parte dei democratici confida più che altro in un passo indietro di Alfano, perché il ministro rimetta le deleghe del Viminale, prima del voto. Resta forte il timore che il gruppo democratico possa spaccarsi sul voto. L’insofferenza è esplicita per molti, anche tra i non renziani. Gianni Cuperlo, candidato alla segreteria del Pd, parla di una “ricostruzione insoddisfacente”. Il prodiano Sandro Gozi ritiene che Alfano debba dimettersi. “Quindi non è vero che Alfano non sapeva – insiste Paolo Gentiloni - Dopo le interviste di Procaccini la sua posizione sempre meno sostenibile”. Ma il fronte si allarga. Per esempio al Centro Democratico: “Voterò contro Alfano” dice Roberto CapelliFelice Casson, ex magistrato e ora senatore Pd, ne ha per il ministro come per il capo della polizia Alessandro Pansa: definisce “mezza barzelletta” la relazione letta in Aula da Alfano e una “presa in giro” e una “storia con tanti buchi” quella riferita da Pansa in commissione Diritti civili al Senato. E ora si aggiunge la senatrice Finocchiaro. “La vicenda che riguarda la signora Shalabayeva e sua figlia – riflette – costituisce un fatto gravissimo che ha visto il nostro Paese violare principi e regole del diritto internazionale e ledere diritti inviolabili delle persone. E’ necessario che il governo non archivi la questione perché su fatti di tal natura, in un paese democratico, serve la massima trasparenza. Serve eliminare ogni zona grigia per ciò che riguarda le responsabilità e la catena di comando che ha gestito la vicenda”. “E questo – prosegue l’ex capogruppo – serve non per ragioni di parte ma per mantenere intatta la credibilità delle istituzioni e del nostro governo. Da questo punto di vista ritengo che sarebbe un atto di responsabilità istituzionale se il ministro Alfano rimettesse la sua delega nelle mani del presidente del Consiglio”. Quindi il governo Letta è una necessità, ma non deve andare avanti senza “coni d’ombra”.

Zoggia frena: “L’all’eanza è complessa, no a posizioni diverse dal gruppo”
Ma nel Pd c’è chi frena a secco: “L’alleanza con il Pdl è complessa – dice il responsabile organizzazione del Pd Davide Zoggia - Abbiamo dato vita a questo governo” di servizio “nella cornice del discorso del Presidente della Repubblica per aiutare il Paese a uscire dalla crisi. Qualsiasi modifica di questa linea deve essere decisa in modo collegiale, non è consentito a nessuno prendere posizioni che si differenziano da quelle del gruppo”. Il responsabile sicurezza del partito Emanuele Fiano che pure ieri aveva sottolineato alcuni punti poco chiari nella ricostruzione di Alfano risponde addirittura a Renzi: “Deve essere conscio che si può svolgere un ruolo di critica, ma che alla fine una corda può anche spezzarsi”. E conferma la fiducia al governo.

L’intervista di Procaccini
Il cambio di prospettiva di molti democratici, che ieri – al netto del mancato applauso Alfano – non erano usciti allo scoperto, è dovuto soprattutto alle dichiarazioni alla stampa dell’ex capo di gabinetto del ministero, il prefetto Giuseppe Procaccini, ha detto tra l’altro di aver informato il ministro Alfano dell’incontro con l’ambasciatore kazako, anche se non sapeva né che Ablyazov fosse un dissidente né che al blitz nella villa di Casal Palocco seguì l’espulsione della moglie e della figlia. Procaccini aveva definito le sue dimissioni sono “un gesto di buona volontà per il bene dell’Amministrazione”. “Il 28 maggio – spiega Procaccini a La Repubblica – nel tardo pomeriggio, inizio sera, dopo che era già stato in Questura, ho ricevuto nel mio ufficio al Viminale l’ambasciatore kazako, che mi ha rappresentato la situazione di questo pericoloso latitante che si sarebbe trovato in una villa a Casal Palocco. E ho quindi immediatamente interessato della questione il Dipartimento della Pubblica sicurezza nella persona del dottor Valeri”. L’incontro era stato sollecitato dallo stesso Alfano: “Ero stato informato che l’ambasciatore doveva riferirmi una questione molto delicata”. Poi al ministro dell’Interno riferì “verbalmente” il giorno successivo, il 29 maggio. Procaccini sottolinea che non sapeva che Ablyazov fosse un dissidente: “Mi risulta – dice a La Repubblica – che anche nelle banche dati Interpol sul soggetto in questione non vi fossero informazioni diverse dai reati per i quali era ricercato”. Dopo il blitz, aggiunge, “non mi venne comunicato del fermo della signora e di sua figlia. A me venne solo comunicato dal Dipartimento, in modo sintetico, che la ricerca del latitante in questione aveva dato esito negativo. Che il soggetto non era stato trovato in quella casa”. Della signora Shalabayeva ha saputo quindi “dai giornali”.

Poi durante la giornata Procaccini precisa alle agenzie di stampa: “Nessuna contraddizione con il ministro Alfano. Mi riconosco nella sua veritiera ricostruzione”. Secondo il capo di gabinetto dimissionario del Viminale le ricostruzioni delle sue parole nelle interviste che ha rilasciato sono corrette: “Mi spiace che alcune ricostruzioni tendano a mettermi in contraddizione con quanto sempre detto dal ministro Alfano, con il quale non c’è alcuna differenza di visione, in quanto mi riconosco nella veritiera ricostruzione dallo stesso resa in tutte le sedi; ricostruzione, peraltro, coincidente con la mia”. “Tra l’altro – continua Procaccini – preciso che i miei colloqui con i giornalisti, nonchè le mie dimissioni, sono antecedenti alle comunicazioni rese, sulla relazione, dal ministro in Parlamento; relazione che è coerente con quanto da me affermato”.


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. È necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Ti comunichiamo inoltre che tutti commenti andranno in pre moderazione e che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione