Un laboratorio per imparare a realizzare programmi per smartphone.
Sai disegnare? Oppure ti piace smanettare? Ti darebbe gusto creare cartoni animati? Non hai un lavoro o vuoi cambiarlo?
Certo in Italia c’è molta disoccupazione, ma contemporaneamente in alcuni settori c’è una forte richiesta di persone specializzate.
Oggi esiste un nuovo immenso mercato legato alle applicazioni per smartphone e tablet. Un settore dove chi ha idee e capacità tecniche può sperimentare la propria inventiva. Un settore dove inoltre è possibile anche agire direttamente, come imprenditori di sé stessi, e misurarsi con il mercato senza intermediari ingombranti.
Il mondo delle app è, infatti, uno dei pochi che dà la possibilità ai produttori di vendere direttamente all’interno dei negozi on line, prendendo una percentuale molto alta di quanto pagato dagli acquirenti.

Via internet e grazie a una serie di incontri, potrai seguire la creazione progettuale, grafica e la programmazione di una serie di app.
Il primo laboratorio durerà 3 mesi con 2 incontri alla settimana via skype e 2 week end intensivi ad Alcatraz (gratis pure questi, ospitalità compresa).
Il nostro obiettivo è quello di creare un gruppo di lavoro che via via si specializzi e diventi una cooperativa di produzione, che crei posti di lavoro.
Ma puoi seguire questo percorso anche se poi non vuoi continuare a collaborare con noi ma solo imparare come si fa.

La prima app che realizzeremo sarà un gioco letterario che prende spunto dalla struttura della Cabala. Ci siamo ispirati al famoso libro di Calvino che ha sfruttato i Tarocchi come macchina per creare racconti.
L’obiettivo è quello di costruire un gioco molto semplice che permette interazioni casuali con testi costruiti in modo tale da favorire il concatenarsi di associazioni mentali e coincidenze. Potremmo definire questa macchina letteraria un sistema per produrre momenti di riflessione. Ovviamente il gioco non avrà attinenza con quelli che si propongono come entità soprannaturali capaci di predire il futuro, leggere la mente, eccetera. Siamo più laici di una scarpa.

Struttura della app
Si tratta di creare un’animazione iniziale con il sistema vettoriale (particolarmente rapido e semplice).
Durante questa animazione l’utente interagisce attraverso un meccanismo casuale (ad esempio una pallina che rotola e che finisce in uno di una serie di fori).
Attraverso questo meccanismo si ottiene una risposta random costituita da un testo e da un disegno evocativo.
A questo punto, tramite un secondo gioco sempre basato su azioni con risultato casuale, si ottiene un secondo “responso dell’oracolo letterario e visuale”.
A questa base testuale e grafica potremmo aggiungere anche una serie di brevi animazioni basate su effetti ottici e altri trucchi percettivi.
La parte essenziale dei contenuti è già stata realizzata e si è sperimentato in rete un sistema grezzo per saggiarne l’efficacia. Ora si tratta di vestire i contenuti all’interno di una app utilizzabile su I-Phone e Android.

Dal 7 al 9 giugno il primo incontro.
Puoi venire di persona oppure seguire il lavoro via web:  www.alcatraz.it. In alto a destra c’è il televisore). Sarà possibile partecipare alla discussione via chat o via Skype.

ORARI
Venerdì 7 giugno, inizio ore 21,30
Sabato 8 giugno ore 10-13 e 17-20
Domenica 9 giugno ore 10-13 e 14,30-16.

Per vedere il programma dettagliato  clicca qui

Il corso è gratuito così come la pensione completa ad Alcatraz per due giorni, ma per chi volesse e potesse, è ben accetto e gradito un libero contributo.

Per prenotare (per chi vuol venire di persona)
075 9229938-39 e info@alcatraz.it

Quest’iniziativa è realizzata grazie al contributo del “Nuovo Comitato un Nobel per i Disabili”, iniziative contro il disagio sociale, e della Libera Università di Alcatraz.