I dieci saggi hanno dato il loro verdetto: piccole modifiche qua e là. Ma qualcuno aveva anche detto che la casa brucia ed è vero; anche se i saggi non se ne sono accorti. La casa brucia non solo in senso metaforico. Guardate questi risultati sulle temperature del nostro pianeta:

riscaldamento globale

La linea rossa sono risultati recenti di Marcott e dei suoi collaboratori comparate con risultati precedenti. Si conferma quello che si sapeva da tempo: quello che sta succedendo con le temperature negli ultimi anni è del tutto eccezionale. Notate come le temperature terrestri sono rimaste abbastanza stabili nell’arco di diecimila anni, salvo poi saltare in su di oltre un grado centigrado in poco più di cento anni; da quando, più o meno, abbiamo cominciato a usare il carbone.

A questo ritmo, cosa ci possiamo aspettare per i prossimi decenni? Si parla di due gradi centigradi in più e si dice anche che ormai questo non è più nemmeno un obbiettivo raggiungibile. Tre gradi in più sono una prospettiva più realistica. Per la fine del secolo, si parla di 5-6 gradi in più, come minimo.

I danni che questo riscaldamento ci potrebbe fare sono talmente grandi che non sono nemmeno quantificabili. Pensate all’agricoltura, già oggi in difficoltà sotto gli effetti combinati della siccità, dell’erosione e del cambiamento della distribuzione delle piogge. E questo è per meno di un grado di aumento di temperatura. Immaginatevi 2-3 gradi o anche di più! Alla fine, qualcuno pensa davvero che potremo mangiare gli Eurobond?

Non vorrei dir troppo male di un documento che dice delle cose interessanti quando parla di cose reali, per esempio raccomandando un “contenimento del consumo di suolo”. Ma il termine “clima” appare nel documento soltanto come “clima di fiducia dei consumatori,” mentre termini come “riscaldamento globale” o “temperature” non ci sono per niente. Insomma, i dieci saggi non si sono proprio accorti che la casa sta prendendo fuoco per davvero. A questo punto, ci vorrebbe proprio qualcuno saggio abbastanza da fare qualcosa in proposito.

Per una discussione più approfondita dei risultati di Marcott, vedi questo articolo su “Climalteranti” :)