Studio quasi devastato, microfoni, cuffie, ipad rotti, una mano ferita. E’ questo il bilancio dell’ospitata di Marco Pannella a “La Zanzara”, su Radio24, in una puntata comica e surreale che resterà negli annali della nota trasmissione radiofonica. Il leader dei Radicali comincia a spazientirsi coi conduttori, Giuseppe Cruciani e David Parenzo, perchè non riesce a prendere la parola. “Qui non servo a dare notizie” – si lamenta Pannella – “sentite solo parlare voi stessi e in questo siete due coglioni“. La polemica si infiamma quando il politico, commentando il ventaglio dei possibili candidati al Colle, afferma che Emma Bonino da quindici anni gode di un “sostegno plebiscitario che si è sempre rinnovato”. Cruciani replica: “Beh, plebiscitario…avete preso lo 0,3% alle elezioni”. Pannella si adira e abbandona temporaneamente lo studio ma viene convinto a tornare da David Parenzo. Nel frattempo, viene lanciato l’audio dello scherzo telefonico a Valerio Onida, ma il radicale urla: “Non me ne frega un cazzo di sentire Onida. Tieniti il saggio e non rompere i coglioni”. E continua a effondere perle ruspanti all’indirizzo di Cruciani, che paragona Pannella a Beppe Grillo perchè non accetta il contraddittorio. Tra parolacce e anatemi, il politico biascica sondaggi e rivelazioni sui bookmarkers inglesi fino a rivangare la campagna “Emma for president” lanciata dai radicali nel 1999. Ma Cruciani puntualizza: “Sì, ma è successo tanti anni fa”. Il leader dei Radicali esplode in una furia incontrollabile, lanciando oggetti e buttando microfoni, tra le urla e le risate incredule dei due conduttori.”Mi hai fatto male alla mano, io qui chiamo l’avvocato”, avverte Cruciani, innescando un altro raptus di collera di Pannella che nuovamente scaglia contro il giornalista i microfoni e replica: “Ti spacco pure la faccia, chiama l’avvocato anche per la faccia“. Passano alcuni minuti e il radicale vuole fare un altro appello, stavolta alla comunità penitenziaria. “Hai una radio tua a disposizione, non me ne frega un cazzo dell’appello”, commenta polemicamente Cruciani. La frase scatena l’ultimo atto dell’ira funesta di Pannella, che dà il suo finale tocco devastatore e abbandona lo studio de “La Zanzara”. Nel corso della puntata, Cruciani si farà dare dalla regista del ghiaccio per la mano e su twitter scriverà: “Ha distrutto lo studio e mi ha colpito la mano con tutto. Vado al pronto soccorso dopo la trasmissionedi Gisella Ruccia