Edison macina profitti sulle bollette dei cittadini italiani. E i francesi di Edf ringraziano Roma che l’anno scorso gli ha permesso di ottenere il controllo della più antica società energetica d’Europa particolarmente forte nel segmento gas. Come infatti spiegano i cugini d’Oltralpe, alla crescita del margine operativo lordo 2012 del gigante pubblico francese dell’energia ha contribuito “la forte performance” dell’Italia grazie ai risultati realizzati da Edison dopo la rinegoziazione del prezzo dei contratti di fornitura di gas a lungo termine. Grazie al tributo italiano, Edf, che ha la totalità del capitale Edison nelle proprie mani, è riuscita ad archiviare il 2012 con un margine operativo lordo da 16,1 miliardi in crescita del 7,7% sull’anno precedente. Un risultato che ha permesso alla società guidata da Henri Proglio, che si prepara ad effettuare 12 miliardi di investimenti, di portare a casa 3,3 miliardi di utili con un balzo del 5,3 per cento.

Numeri importanti cui Edison, per ragioni di timing, non ha potuto contribuire ancora di più. Foro Buonaparte è infatti diventata totalmente controllata dai francesi solo dopo la metà dell’anno con l’Opa chiusa il 3 agosto 2012 seguita all’accordo di vendita concluso con gli ex azionisti di Delmi, società controllata (51%) dalla multiutility milanese A2A e partecipata da Iren (15%), Dolomiti Energia (10%), Sel (10%), Mediobanca (6%), Fondazione Crt (5%) e Banca Popolare di Milano (3%). Un’operazione di cui è stata consulente la stessa Piazzetta Cuccia e che si allineò ai desiderata del ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, che, negli incontri che ebbe anche con i soci delle municipalizzate, puntò sull’italianità della genco Edipower in cambio del passaggio di mano di Edison ai francesi.

Non a caso proprio all’indomani dell’accordo, il 27 dicembre 2011, Passera dichiarava a Il Sole 24 Ore: “Sono particolarmente soddisfatto per l’esito delle trattative tra il gruppo Edf e il gruppo A2A , unitamente ai suoi principali soci italiani. Due protagonisti del mondo energetico italiano chiariscono le rispettive strutture azionarie e rafforzano validi e trasparenti rapporti di collaborazione operativa. A2A, con l’impegno in Edipower, diventa il secondo produttore nazionale di energia elettrica”. Ma mentre A2A è alle prese con l’abbattimento del debito che nel 2012 dovrebbe attestarsi fra i 4,5 e 4,6 miliardi, Edison non solo lo scorso anno è tornata in utile per 81 milioni, ma ha anche distribuito ai suoi soci un dividendo da 15 centesimi dopo tre anni di digiuno e un 2011 di maxiperdite (871 milioni). Il tutto grazie alla rinegoziazione dei contratti di gas in Qatar e Libia.

E intanto gli italiani, in assenza di un vero piano strategico energetico, continuano a pagare care le proprie bollette dell’energia anche a causa del fatto che, secondo quanto sospetta l’Authority per l’energia, ben 1,6 miliardi di margini in più sono stati fatti sulla pelle degli utenti traslando la Robin tax sui consumatori.