Due fedeli servitori dello Stato Italiano indegno. Hanno dominato la paura di una fine certa con il coraggio della loro nobile coerenza. Porto ancora la ferita dentro di me del vile atto che li ha resi immortali. Il loro sacrificio è di esempio nel mio quotidiano.

Antonio Giovanni Maitino