Ecco le nostre iniziative solidali. Aiutaci a realizzarle e diffonderle, grazie.

I corsi
(con Jacopo Fo & Co.)
Malgrado la disoccupazione, in alcuni settori mancano professionisti. Ad esempio, nel settore della creazione di applicazioni per smartphone e nell’animazione digitale.
In questi settori c’è una grave carenza di professionisti, ritardo che tra l’altro impedisce alla nostra ridente nazione di sfruttare appieno le potenzialità del mondo digitale.
Abbiamo quindi organizzato una serie di seminari che partono dall’uso di base del pc (un fine settimana) e dalla grafica digitale di base (un fine settimana) e arrivano poi a insegnare questi nuovi, appassionanti mestieri, con corsi rispettivamente di 200 ore (animazione) e 512 ore (applicazioni).
I corsi si svolgeranno in gran parte via web e comprendono anche una serie di fine settimana ad Alcatraz. Si può seguire anche uno solo di questi seminari.
Durante questi seminari non ci limiteremo alla teoria ma realizzeremo elementi che arricchiranno il lavoro del Laboratorio Seminole e lo spettacolo che ne è uscito, con Dario e Franca, Bandabardò, Toni Esposito, Sergio Laccone, Mario Pirovano, Modena City Ramblers, Paolo Rossi, i Sud Sound Sytem. Quindi ci sarà la possibilità di sperimentarsi in concreto. E durante i workshop ci occuperemo anche di dare informazioni su come poi gestire la propria professionalità e trovare lavoro.
I corsi sono gratuiti per persone in difficoltà economiche, compresa l’ospitalità e un computer portatile per chi non lo possiede (se invece hai disponibilità economiche puoi anche pagare, se hai solo poche disponibilità puoi pagare poco… E la famosa filosofia dei prezzi self service).
Il numero massimo di partecipanti è 25.
Questa iniziativa è finanziata dal Comitato Un Nobel per i Disabili e dalla Libera Università di Alcatraz.
Pensiamo che si tratti di un corso utile e di alta qualità, se anche a te sembra una buona idea ti chiediamo di aiutarci a diffondere la notizia, se troveremo il sostegno di molti nel far sapere di questa iniziative potremo risparmiare i soldi per la pubblicità e distribuire altre borse di studio per futuri corsi di formazione. Se vuoi saperne di più clicca qui

La Casa delle Diverse Abilità
In questo momento terribile per molti italiani sono le fasce più deboli a pagare di più, in primo luogo le persone diversamente abili.
Il Nobel per i Disabili si è occupato di fornire elementi essenziali per la sopravvivenza di persone in grande difficoltà e mezzi di trasporto attrezzati per carrozzine (36 pulmini donati ad altrettante associazioni).
Molte sollecitazioni ci hanno portato ora a occuparci di un nuovo progetto: creare uno spazio dove siano raccolti tutti gli strumenti che possono rendere più facile la vita ai disabili e metterlo a disposizione come luogo di vacanza/cura, gratuitamente, per chi non ha mezzi economici.
Oggi esistono carrozzine speciali che permettono di muoversi su terreni accidentati, supporti meccanici per persone con le gambe paralizzate, percorsi tattili e uditivi per non vedenti, sistemi di comando vocale…
Poter utilizzare supporti meccanici per la deambulazione non è solo un’esperienza straordinariamente positiva dal punto di vista psicologico, è anche un sistema rivoluzionario per combattere i disturbi derivanti dalla prolungata posizione seduta.
La Casa delle Diverse Abilità nell’Ecovillaggio Solare sarà progettata in collaborazione con associazioni specializzate in questo settore che ci aiuteranno a trovare le soluzioni migliori.
Questa struttura potrà anche diventare un luogo di sperimentazione e di diffusione di soluzioni efficienti.
E sarà situata all’interno dell’Ecovillaggio Solare di Alcatraz così da poter offrire agli ospiti la possibilità di seguire corsi, spettacoli, eventi culturali, e usufruire dei servizi nel settore benessere (terapie in acqua calda, massaggi, ippoterapia).
E visto che l’Ecovillaggio sarà visitato da molte persone (già oggi ne arrivano 5.000 all’anno) la Casa delle Diverse Abilità avrà grande visibilità e potrà contribuire alla diffusione di una nuova cultura della disabilità.
Su questa iniziativa il Nobel per i Disabili sta cercando sponsor pubblici e privati e apre una sottoscrizione con un contributo di 50mila euro. Ce ne mancano soltanto altri 45mila, dei quali 25mila per casa e terreni, 20mila per gli arredi e le dotazioni.

Per tutte le info clicca qui

Grazie!